Tumori della pelle non melanoma, prevenzione dimenticata e costo per Ssn

·3 minuto per la lettura
Image from askanews web site
Image from askanews web site

Roma, 30 giu. (askanews) - Gli addetti ai lavori li chiamano "non melanoma skin cancer", vale a dire tumori della pelle non melanoma. Una differenziazione resa necessaria dall'idea molto diffusa che, in fatto di tumori cutanei, si debba porre attenzione soltanto al melanoma. Esistono invece diversi tumori cutanei (primo tra tutti il carcinoma cutaneo a cellule squamose o squamocellulare) legati a una non corretta e cronica esposizione al sole che, nelle forme avanzate, per incidenza e complessità di gestione clinica, possono generare costi rilevanti a carico del Servizio Sanitario Nazionale. "Per la prima volta, abbiamo stimato l'impatto economico complessivo del carcinoma cutaneo a cellule squamose in Italia", rivela Francesco Saverio Mennini, professore di Economia Politica ed Economia Sanitaria all'Università degli Studi di Roma Tor Vergata e Presidente SIHTA (Società Italiana di Health Technology Assessment) nel corso del convegno online "Non Melanoma Skin Cancer: Tra prevenzione e impatto socio sanitario" che si è svolto oggi. "La spesa complessiva annua associata alla gestione e al trattamento del carcinoma squamoso è pari a 34,7 milioni di euro. Di questi, 25,9 milioni di euro sono costi diretti sanitari (2,7 milioni sono attribuibili alla neoplasia non resecabile) e circa 9 milioni sono a carico del sistema previdenziale (26% del totale)". Dallo studio emerge anche che il costo medio annuo di un paziente con carcinoma squamocellulare avanzato (4.490 euro) è molto più elevato rispetto a quello di un paziente con lesioni in fase iniziale, resecabili chirurgicamente (2.236 euro)".

Anche se nella maggior parte dei casi la malattia è eradicata con successo mediante la chirurgia, un sottogruppo di pazienti progredisce verso una fase avanzata e aggressiva. La corretta identificazione di questi casi è fondamentale per una gestione precoce, con miglioramento della prognosi e della qualità di vita, accompagnata da una riduzione importante dei costi a carico del sistema previdenziale. Ed ecco perché la realizzazione di campagne di prevenzione a 360 gradi consente di determinare risparmi sostanziali.

"I tumori della pelle non melanoma - spiega Paolo Ascierto, Responsabile UOC Oncologia Medica e Terapie Innovative del Dipartimento Melanoma, IRCCS Fondazione Pascale - hanno la caratteristica di poter essere risolti, se diagnosticati in tempo. con il semplice atto chirurgico. Per il paziente le figure di riferimento sono essenzialmente tre: in primis il medico di medicina generale, che è il primo al quale il paziente riferisce di una lesione della pelle che desta qualche preoccupazione. Il dermatologo, che ha il compito di fare una diagnosi e infine i centri di terzo livello, che hanno il compito di affrontare la patologia in fase avanzata".

Per Ascierto il punto cardine attorno al quale è essenziale sviluppare il lavoro dei centri di terzo livello è la multidisciplinarietà. "Questi pazienti - prosegue - devono essere presi in carico da un team che ricomprenda una serie di figure professionali differenti. Si pensi al chirurgo, ma anche al chirurgo plastico. Agli oculisti, radioterapisti, oncologi, psicologi e molti altri. Insomma, un team che alla fine possa raggiungere l'obiettivo di un'alta adesione alle linee guida".

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli