Tumori: nuovo protocollo riduce dal 30 al 50% i giorni di ricovero

·1 minuto per la lettura
Image from askanews web site
Image from askanews web site

Roma, 9 lug. (askanews) - 'esito migliore delle cure chirurgiche dei pazienti oncologici dipende anche dallo stress operatorio e dalla risposta dell'organismo all'intervento. Per affrontare i trattamenti chirurgici con una forma fisica appropriata e ridurre il trauma legato all'intervento, è necessario che il paziente sia al centro di un percorso pre e post operatorio. E' questo il concetto cardine del protocollo ERAS (Enhanced Recovery after Surgery), un approccio integrato e multidisciplinare che coinvolge diversi specialisti e figure professionali, dal chirurgo all'anestesista, dall'infermiere al dietista, che attraverso l'applicazione delle migliori e più moderne pratiche chirurgiche, anestesiologiche e infermieristiche, riduce le complicanze generali, i tempi di degenza e i costi del ricovero.

Per discutere risultati e prospettive del protocollo ERAS si svolgerà oggi e domani, al Lingotto di Torino, il Congresso della Perioperative Italian Society (POIS), presieduto da Felice Borghi, neodirettore della Chirurgia Oncologica dell'IRCCS di Candiolo (Torino) e per 20 anni direttore della Chirurgia generale e oncologica dell'Ospedale Santa Croce e Carle di Cuneo, dove ha sviluppato una delle maggiori esperienze in Italia su questo tema.

"Gli elementi chiave del protocollo ERAS oltre alla scelta di un approccio minimamente invasivo, sono la sostituzione del digiuno pre-operatorio con l'introduzione di un supporto nutrizionale, il ridotto posizionamento di strumenti come sondini e drenaggi o la loro rapida rimozione, la precoce mobilizzazione, una gestione ottimale del dolore, una più rapida ripresa di una normale dieta nel post intervento - spiega Borghi - tutte azioni volte a un migliore e più rapido recupero funzionale del paziente, efficaci anche nel ridurre dal 30 al 50% i giorni di degenza e le complicanze post-operatorie".

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli