Tumori, studio Iss su farmaco che addormenta cellule neoplastiche

Rus

Roma, 23 lug. (askanews) - Un nuovo farmaco antitumorale in grado di neutralizzare le cellule cancerogene è stato creato dall'Istituto Superiore di Sanità, in collaborazione con l'Università Alma Mater di Bologna e l'Università Cattolica, e i risultati sono stati pubblicati oggi sulla rivista Cell Death and Disease. Lo studio, reso possibile grazie ai finanziamenti dell'Associazione Italiana per la Ricerca sul Cancro (AIRC), descrive una nuova formulazione del farmaco fenretinide, che in passato aveva mostrato un promettente effetto antitumorale in fase preclinica ma che nell'uomo non aveva dato i risultati sperati a causa della sua scarsa biodisponibilità.

"La nuova formulazione, da noi battezzata Nanofenretinide - dice Ann Zeuner del Dipartimento di Oncologia e Medicina Molecolare dell'ISS e coordinatrice dello studio - è stata ottenuta attraverso un processo di nanoincapsulazione che rende la molecola solubile nei liquidi corporei e pertanto biodisponibile. I vantaggi del nuovo farmaco, che abbiamo sperimentato su una varietà di cellule tumorali tra cui colon, polmone, melanoma, sarcoma, mammella, ovaio e glioblastoma, oltre alla biodisponibilità sono il suo effetto ad ampio spettro e la sua apparente assenza di tossicità".(Segue)