Tumori testa e collo: agire per tempo può salvare la vita -2-

Mpd

Roma, 17 set. (askanews) - Purtroppo la maggior parte dei tumori della testa e del collo è diagnosticata in fase avanzata e più di 4 pazienti su 10, colpiti questa neoplasia, iniziano il trattamento post-chirurgico con ritardo rispetto a quanto previsto dalle linee guida1. Accade, inoltre, con frequenza preoccupante che lo stadio clinico di malattia, indispensabile per impostare la terapia più indicata, non sia chiaramente riportato nella cartella clinica. "Questa situazione - afferma Lisa Licitra, Direttore SC Oncologia medica 3 Tumori Testa - Collo, Fondazione IRCCS Istituto Nazionale Tumori Milano e Professore Associato di Oncologia Medica Università degli Studi Milano - può essere spiegata dalla particolare complessità dell'approccio clinico che richiede una gestione organizzata e multidisciplinare di ogni singolo caso e che implica la disponibilità di specialisti diversi all'interno della stessa struttura o comunque attivi nell'ambito territoriale di competenza".

Proprio per questo motivo, AIOCC ha ritenuto utile mettere a disposizione della comunità medica l'esperienza e la professionalità degli esperti che ne fanno parte per codificare un PDTA (Percorso Diagnostico-Terapeutico Assistenziale) di presa in carico del paziente, condiviso e approvato nell'ambito delle principali discipline coinvolte. Risulta ora fondamentale che il PDTA venga condiviso in tutti i Centri italiani e adottato in modo omogeno su tutto il territorio nazionale in modo che a tutti i pazienti sia garantita equità di accesso a cure appropriate e venga messa a punto una strategia per ottimizzare l'impiego delle risorse destinate al trattamento di queste neoplasie.

"Purtroppo questi tumori impattano notevolmente sulla qualità di vita - Maurizio Magnani, Presidente AILAR (Associazione Italiana Laringectomizzati) - e le Associazioni come la nostra, laddove è possibile, svolgono una funzione preziosa nel prendersi cura del paziente e dei suoi familiari svolgendo una funzione di sostegno essenziale che ne aumenta la serenità nella vita di tutti i giorni. AILAR ha come mission quella di garantire la qualità di vita dei pazienti".

Oltre al patrocinio del Ministero della Salute, quest'anno l'iniziativa Tieni la testa del collo ha ricevuto il patrocinio di: AILAR (Associazione Italiana Laringectomizzati), AIRO (Associazione Italiana di Radioterapia ed Oncologia Clinica), AUORL (Associazione Italiana Universitaria Otorinolaringologi), FNOMCeO (Federazione Nazionale degli Ordini dei Medici Chirurghi e degli Odontoiatri), SICMF (Società Italiana di Chirurgia Maxilo - Facciale).