“Tuo nipote ha il Covid, servono soldi”: truffatrice presa a Milano

Red
·1 minuto per la lettura
Image from askanews web site
Image from askanews web site

Milano, 11 feb. (askanews) - Lunedì scorso la polizia ha arrestato a Milano una 49enne pregiudicata accusata di truffa aggravata nei confronti di una signora di 86 anni residente in zona piazzale Siena. Lo ha riferito oggi la questura del capoluogo lombardo, spiegando che la vittima, conscia che si trattasse di un tentativo di truffa, aveva contattato la polizia riferendo di aver ricevuto diverse chiamate sul proprio telefono di casa da parte di una donna che, spacciandosi per la fidanzata del nipote, le aveva detto che il giovane era stato ricoverato in gravi condizioni in ospedale perché aveva contratto il Covid, e di recuperare con urgenza 10mila euro o in alternativa dei gioielli "per pagare delle punture per le vie respiratorie"

La polizia ha quindi consigliato all'anziana di stare al gioco e ha così potuto registrare anche la telefonata di un uomo che, fingendosi il nipote, le aveva suggerito di seguire le indicazioni della ragazza e, se non avesse avuto dei contanti, di procurare almeno un orologio. La vittima, che ha sempre mantenuto un notevole sangue freddo e dimostrato grande capacità, ha così accettato di consegnare un prezioso cronografo e, poco prima dell'appuntamento, è stata nuovamente contatta dalla finta fidanzata che l'aveva avvisata che al suo posto si sarebbe presentato "un operatore dell'ospedale di nome Bianchi". Appena preso l'orologio, la "dottoressa Bianchi" è stata però bloccata dai poliziotti che l'aspettavano appostati nelle vicinanze.

Le indagini proseguono per risalire all'identità dei complici dell'arrestata che ha precedenti per piccole truffe e vive a Novara con il marito.