Turchia: Ankara respinge accuse Usa su bambini soldati, 'sono inaccettabili'

·1 minuto per la lettura
default featured image 3 1200x900
default featured image 3 1200x900

Ankara, 2 lug. (Adnkronos) – Ankara "respinge le accuse" contenute nel rapporto pubblicato dal Dipartimento di Stato Usa sulla tratta di essere umani e che inseriva la Turchia tra i paesi implicati nell'uso di bambini soldati. In una nota il ministero degli Esteri turco sottolinea che la Turchia "ha intensificato la sua lotta contro la tratta di esseri umani. Nonostante questo, sono state accolte con rammarico le affermazioni formulate da alcune Ong di dubbia affidabilità basate su presupposti infondati". Per Ankara, quindi, queste "accuse infondate" "non sono accettabili".

La Turchia, sottolinea il ministero degli Esteri turco "fa ogni sforzo per prevenire la tratta di esseri umani, punire i criminali e proteggere le vittime della criminalità". In particolare, sottolinea Ankara, "respingiamo totalmente le accuse che attribuiscono alla Turchia la responsabilità del reclutamento di bambini. La Turchia è parte di importanti regolamenti internazionali sulla protezione dei diritti dei bambini, compresi quelli adottati dall'Onu, e la sua esperienza in materia è impeccabile".

Per la Turchia "è l'esempio più eclatante del doppio standard e dell'ipocrisia degli Stati Uniti, che sostengono apertamente l'organizzazione terroristica Pkk-Pyd-Ypg, che recluta bambini in atti terroristici in Siria e Iraq".

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli