Turchia critica Italia: su idrocarburi ignora diritti Cipro Nord -2-

Orm

Roma, 30 gen. (askanews) - Per cui la Turchia continuerà le proprie attività, continua Aksoy, fino a quando non vi saranno garanzie per i diritti della parte Nord di Cipro (non riconosciuta dalla Comunità internazionale) le 'soluzioni' suggerite dal governo turco sono due: o la sospensione di tutte le attività off shore nel Sud dell'isola sino a quando non sarà trovato un accordo onnicomprensivo a Cipro, oppure il lancio di un meccanismo di cooperazione da parte dei greco-ciprioti con la controparte turco-cipriota.

Quindi, per tutta risposta alle rimostranze europee ed italiane per l'accordo con la Libia sulla delimitazione dei confini marittimi nel Mediterraneo, la Turchia "esorta, ancora una volta, tutti gli Stati membri Ue, e in particolare l'Italia, a rinunciare all'atteggiamento con cui ignorano la presenza stessa dei turco-ciprioti e i loro diritti".