Turchia "oltre punto di non ritorno" dopo rimozione governatore banca centrale - SocGen

·1 minuto per la lettura
Diverse banconote di lira turca

LONDRA (Reuters) - Societe Generale ha affermato che la rimozione di Naci Agbal, governatore della banca centrale turca, ha lasciato il paese "oltre il punto di non ritorno", prevedendo che la lira calerà a 9,70 contro il dollaro Usa entro la fine del secondo trimestre.

In una nota ai clienti, l'analista Phoenix Kalen ha anche stimato che il nuovo governatore Sahap Kavcioglu cercherà di rimediare al picco di giovedì di 200 punti base, in occasione del meeting sulla politica monetaria del 15 aprile, oltre allo stanziamento di ingenti riserve per stabilizzare la lira.

Tuttavia, Kalen ha aggiunto che Kavcioglu probabilmente perderà la battaglia con i mercati valutari, e potrebbe dover ricorrere a rialzi d'emergenza per contrastare il calo della lira.

"Consigliamo di uscire da qualsiasi posizione lunga sugli asset turchi, considerando il profondo cambiamento in termini di politica monetaria e il probabile conseguente disagio finanziario", scrive Kalen nella nota.

"La Turchia potrebbe dirigersi a breve verso una nuova crisi valutaria".

(Tradotto da Redazione Danzica, in redazione a Milano Gianluca Semeraro)