Turchia, referendum: è iniziato il voto per i cittadini residenti all’estero

Sono circa tre milioni i cittadini turchi residenti all’estero che hanno diritto di voto nel referendum del 16 aprile sull’introduzione del presidenzialismo in Turchia. Si vota in 57 paesi, fino a domani 9 aprile. In caso di approvazione la riforma costituzionale assegna più poteri al presidente Erdogan che in questo modo, diventerebbe anche capo dell’esecutivo. Tra i poteri che otterrebbe, quello di nominare i ministri, sciogliere il parlamento e dichiarare lo stato d’emergenza.

Days to April 16 #Turkeyreferendum, posters in east Amsterdam telling #Turkish citizens how to vote abroad (clear which way this shop leans) pic.twitter.com/rhGRvuqZpb— Vanessa H. Larson (@vanessahlarson) 8 aprile 2017

La riforma costituzionale è stata ampiamenmte contestata soprattutto all’estero. In Germania dove vive il maggior numero di cittadini turchi, il governo di Berlino ha di recente impedito l’organizzazione di comizi da parte dei politici di Ankara, a favore della riforma.

Usando Yahoo accetti che Yahoo e i suoi partners utilizzino cookies per fini di personalizzazione e altre finalità