Turchia, resta in carcere dipendente consolato Usa a Istanbul -2-

Dmo

Roma, 18 set. (askanews) - Nel corso dell'udienza di oggi Topuz ha dichiarato nuovamente la sua innocenza. La richiesta di scarcerazione è stata rigettata, quindi, per la quarta volta, dopo il no di marzo, maggio e giugno. Il processo è stato aggiornato all'11 dicembre.

Metin Topuz, che al consolato si occupava di tenere i contatti tra le autorità Usa e le brigate turche impegnate nella lotta al traffico di stupefacenti, è stato arrestato a ottobre del 2017 e rischia l'ergastolo per "spionaggio" e "tentato colpo di stato".

Secondo le autorità turche Topuz è collegato al gruppo dell'ex imam Fethullah Gülen, Feto, definito un movimento terrorista e dietro il tentato golpe del luglio 2016.