Turchia: Sbai, 'abbandonare e rifondare Convenzione in luogo democratico'

·1 minuto per la lettura
default featured image 3 1200x900
default featured image 3 1200x900

Roma, 21 mar. (Adnkronos) – "Il ritiro della Turchia dalla Convenzione di Istanbul è l’ennesimo atto autoritario. Il governo del presidente Erdogan è chiaramente in mano a esponenti dell’Islam conservatore e integralista. Addirittura, secondo l’Akp, il partito del sultano di Ankara, la Convenzione di Istanbul sarebbe contraria alle norme dell’Islam e incoraggerebbe il divorzio e l’omosessualità. Come se non bastasse, per Fiat Oktay, vicepresidente turco, solo 'le nostre tradizioni e i nostri costumi' potranno 'elevare la dignità delle donne turche'. Dichiarazioni oltraggiose che respingiamo con forza". Lo afferma Souad Sbai, ex parlamentare del centrodestra.

"Ci aspettiamo -aggiunge- che una dura condanna alla decisione della Turchia arrivi anche dalle femministe di casa nostra che spero abbiano il coraggio di stigmatizzare la decisione di Ankara. A questo punto, è il caso che tutti i Paesi firmatari della Convenzione di Istanbul decidano di abbandonarla per rifondare l’accordo per la lotta contro la violenza nei confronti delle donne e la violenza domestica in un luogo che sia davvero democratico”.