Turchia-Siria, la guerra entra nel vivo. Dopo i raid aerei, le truppe turche conquistano i primi villaggi curdi

Umberto De Giovannangeli

Semina morte nel Nord della Siria, ricatta l’Europa: è il flagello Erdogan. Se l’Ue ci accuserà di “occupazione” della Siria e ostacolerà la nostra “operazione” militare, “apriremo le porte a 3,6 milioni di rifugiati e li manderemo da voi”. Lo ha detto il presidente turco Recep Tayyip Erdogan, parlando ai leader provinciali del suo Akp”. Prima i raid aerei, poi l’avanzata con le truppe di terra. La Turchia penetra nel nord della Siria dopo l’offensiva militare, lanciata giovedì. Sono 181 gli obiettivi curdi nel Nord-est del Paese, informa il ministero della Difesa di Ankara, colpiti dagli oltre 5mila soldati delle forze armate nel corso dell’operazione “Fonte di pace”.

Al momento, si contano almeno 15 morti, molti dei quali civili, anche se Erdogan ha annunciato la morte di “109 terroristi”. E l’Onu fa sapere che, dall’inizio dell’offensiva, sono già decine di migliaia gli sfollati. In una nota, l’Alto commissariato delle Nazioni Unite per i rifugiati (Unhcr) chiede alle parti di rispettare il diritto internazionale umanitario: “I civili e le infrastrutture civili non devono essere un obiettivo”, raccomanda l’Alto Commissario Filippo Grandi. Poi aggiunge che sono decine di migliaia i civili siriani in fuga dall’offensiva. La Turchia ha affermato in una lettera al Consiglio di Sicurezza Onu che la sua operazione militare sarebbe “proporzionata, misurata e responsabile”. “L’operazione prenderà di mira solo terroristi e i loro nascondigli, rifugi, armi ed equipaggiamenti”, si legge ancora nel documento, di cui l’Ansa ha avuto visione, precisando che vengono “adottate tutte le precauzioni per evitare danni collaterali alla popolazione civile”.  Nella lettera inviata da Ankara al Consiglio di Sicurezza Onu, si afferma che “i negoziati con gli Usa su una zona di sicurezza rimangono inconcludenti”.

VIDEO - Colonne di fumo si alzano sul confine tra Turchia e Siria

 

Il Consiglio si riunirà oggi...

Continua a leggere su HuffPost