Turchia, uccise moglie davanti a figlia di 10 anni: al via processo -3-

Bea

Roma, 9 ott. (askanews) - La mattina del 18 agosto, Emine Bulut portò la figlia in un caffè di Kirikkale, 70 chilometri a est di Ankara, per incontrare Varan, da cui aveva divorziato quattro anni fa. Dopo poco Varan attaccò Bulut con un'arma da taglio.

In una precedente udienza in tribunale Varan ha affermato "dopo che mi ha insultato parlandomi della custodia di nostra figlia, l'ho colpita con il coltello che mi ero portato". L'uomo poi salì su un taxi e fuggì, mentre Emine Bulut morì in ospedale per le ferite riportate. Nel filmato la si vede coperta di sangue che urla "non voglio morire" mentre la figlia la implora di vivere. Il nome di Bulut e le sue ultime parole sono ora diventate lo slogan di una campagna sui social media per alimentare il dibattito sui diritti delle donne in Turchia.