Turismo: Cia, in agriturismo oltre 350 mila presenze stimate per ponti

(ASCA) - Roma, 24 apr - ''I Ponti di primavera consolidano i

segnali di ripresa dell'agriturismo. Dopo le performance

positive registrate nel corso delle vacanze di Pasqua e

Pasquetta, il 25 aprile e soprattutto il lungo week-end fino

al primo maggio preannunciano un nuovo riscatto

dell'eco-turismo. Complici i prezzi rimasti invariati

rispetto all'anno scorso, la possibilita' di 'last minute' e

di pacchetti sempre piu' personalizzati (offerte coppia,

offerte famiglia, percorsi benessere), le previsioni per i

prossimi giorni parlano di oltre 350 mila presenze in totale,

di una durata media del soggiorno che non va oltre le 2 notti

e di un giro d'affari complessivo sui 140 milioni di euro''.

Lo afferma Turismo Verde, l'associazione nazionale

agrituristica della Cia-Confederazione italiana agricoltori.

Le famiglie italiane ''cercano di non rinunciare a viaggi e

svago ma, a causa della crisi economica ampliata dal

'caro-trasporti', cercano soluzioni che consentano di ridurre

i costi. In questo senso gli agriturismi sono l'alternativa

ideale alla vacanza tradizionale: sono piu' 'cheap', piu'

'green' e uniscono la voglia di benessere e movimento

all'aperto con la conoscenza della campagna, dei suoi

mestieri e delle sue tradizioni enogastronomiche. In

particolare -spiega Turismo Verde-Cia- a riempire gli

agriturismi sara' il lungo Ponte del primo maggio, quando

sono attesi in campagna circa 300 mila ospiti, di cui due su

quattro sono soltanto i ''buongustai'' che si recheranno

nelle aziende a pranzo o a cena. Molto piu' 'ristrette' le

presenze previste per domani: quello del 25 aprile sara' un

Ponte per pochi: solo l'8% sara' in viaggio contro la

schiacciante maggioranza degli italiani che restera' a casa.

Negli agriturismi sono stimati circa 60 mila coperti per il

pranzo di domani, ma i pernottamenti sono un numero davvero

esiguo''.

Ricerca

Le notizie del giorno