Turismo, Federalberghi Veneto: 'Bene bonus terme, male la piattaforma'

·1 minuto per la lettura
default featured image 3 1200x900
default featured image 3 1200x900

Roma, 8 nov. (Adnkronos) – Oggi si aperto il 'click day' per accedere al bonus termale, e il Veneto (dati Invitalia) ha totalizzato il maggior numero di stabilimenti accreditati al servizio a livello nazionale avendo il distretto termale più grande d’Europa, tanto da mandare in down il sistema per l’elevato numero di richieste. "La misura è ottima", sottolinea Massimiliano Schiavon presidente Federalberghi Veneto. "Il provvedimento – rileva – ha avuto molto successo, e tutta la categoria l’ha accolto con grande favore, così come i nostri clienti che ancora una volta hanno sancito il primato del Veneto a livello europeo come polo termale. Il problema, però, è che se affidiamo le opportunità ad infrastrutture che all’avvio della procedura crashano siamo sempre punto e a capo. Il salto di qualità non lo abbiamo soltanto nell’immissione di misure che sono chiaramente positive, ma quando i meccanismi funzionano".

"O cambiamo le modalità di accesso, o rendiamo performanti le infrastrutture. E questo è ancor più preoccupante in previsione di quanto potrà avvenire con il contributo 80%, se verrà usato lo stesso sistema di assegnazione delle risorse secondo il medesimo criterio di priorità", sottolinea ancora.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli