Turismo, Garavaglia: "Numeri buoni, stagione invernale sarà serena come questa estiva"

·1 minuto per la lettura

"I numeri sono molto buoni, ma essendo un uomo prudente preferisco darli a consuntivo. L'obiettivo è arrivare ai numeri dell'estate 2019 e non ci siamo lontani". E' quanto assicura il ministro del Turismo, Massimo Garavaglia, a margine del suo intervento al Meeting di Rimini. "Ma stiamo già guardando oltre - aggiunge - Adesso, ci interessa la stagione invernale: abbiamo tutte le carte in regola per aprire una nuova stagione invernale serena come questa stagione estiva. Siamo davvero alla ripartenza", sottolinea il ministro del Turismo.

Per Garavaglia, "oggettivamente, l'Italia è molto più sicura di altri Paesi, basti pensare alla Spagna che ha dovuto fare addirittura i coprifuoco... L'Italia, invece, è ancora tutta in zona bianca, anche se ahimé la settimana prossima potrebbe cambiare qualcosa. Ma, di fatto, abbiamo numeri ancora molto positivi".

Quanto agli hotel, "per gli albergatori non c'è più niente da recriminare: tutto quello che era previsto per questo settore è già stato stanziato - risponde Garavaglia - Devono ancora essere erogati i finanziamenti che riguardano gli impianti sciistici, pari a 460 milioni di euro: abbiamo già ottenuto l'ok della Ue, ma purtroppo non è stato chiesto prima, per cui il ritardo è dovuto al fatto che il Governo precedente non aveva attivato la procedura. Adesso, dopo l'ok europeo, il decreto è alla Corte dei Conti e, nei suoi tempi tecnici, i fondi per gli impianti saranno finalmente sbloccati". Relativamente al bonus, "non è una promessa ma un'iniziativa del ministero del Turismo, che vogliamo attivare con i fondi del Recovery Fund ed è nostra intenzione renderla operativa per la stagione invernale: le norme sono quasi pronte, contiamo di presentarle entro il mese di settembre".

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli