Turismo: inizia il nuovo corso di Alpitour World

Image from askanews web site
Image from askanews web site

Milano, 24 nov. (askanews) - Un nuovo marchio, una "narrativa corporate" strutturata e un sito di gruppo che racchiude e rende espliciti i messaggi aziendali e gli impegni dei prossimi anni: Alpitour World, primo player italiano nell'industria turistica da 75 anni e unico gruppo del settore che propone una filiera totalmente integrata, cambia volto e lo fa nel segno della tradizione e dell'innovazione. Un rinnovamento fortemente voluto dal management del gruppo con l'obiettivo di dare un'immagine attuale e incisiva del gruppo dopo un biennio segnato dall'emergenza Covid 19: 4 pesanti ondate pandemiche, lockdown, quarantene, mascherine e una lunga sequenza di varianti e subvarianti che hanno proiettato il turismo globale nella crisi più dura della storia.

"Sono stati due anni molto difficili - spiega il presidente e amministratore delegato, Gabriele Burgio, illustrando il nuovo "corso" del gruppo all'IBM Studios di Milano - ma che ci hanno permesso di pensare, riflettere e prendere decisioni molto importanti". Un riferimento esplicito ai forti investimenti e alle azioni stategiche messe in cantiere nell'ultimo biennio che hanno portato a risultati importanti in termini di bilancio: il gruppo ha chiuso l'anno fiscale facendo registrare un fatturato complessivo di 1,6 miliardi di euro e un Ebitada di oltre 30 milioni di euro. Una soglia molto vicina a quella del 2019 e che pone come obiettivo per il 2023 il raggiungimento di 2 miliardi di ricavi.

"Siamo molto soddisfatti dei risultati di quest'anno - osserva ancora Burgio - Mettiamo a segno un bilancio in crescita e superiore alle previsioni di budget, nonostante un inverno 2021-22 ancora debole, perché menomato dalle chiusure di destinazioni extra UE dovute alla pandemia. Abbiamo fatto molte scommesse rischiose, tutte sostenute dai nostri azionistie possiamo dire, con soddisfazione, che sono state scelte azzeccate: oggi siamo una realtà più solida, integrata e consapevole. La trasformazione deve essere preventiva, altrimenti si perde l'opportunità. Serve velocità, motivazione e chiari obiettivi di sviluppo, che per noi sono il digitale, la sostenibilità e la centralità delle persone".

Ecco perchè è "cambiare declinato all'infinito" il filo conduttore della nuova strategia aziendale. Grande attenzione è stata riservata per l'area IT, con oltre 50 milioni di investimenti, un organico che arriverà a oltre 130 risorse nel 2023, il programma di digitalizzazione e semplificazione inNOVA e un approccio omni-canale per integrare vendita tradizionale e online: un processo di cambiamento tecnologico e di business che abbraccia l'intero gruppo che punta con decisione anche sull'efficientamento energetico delle sedi e degli hotel, sulla riduzione della carbon footprint: è stato adottato un nuovo protocollo per la classificazione di resort e hotel in base a parametri di sostenibilità definiti dall'azienda e certificati da un ente esterno specializzato.

"Un'azienda come la nostra - sottolinea Christian Catiello, Direttore Organizzazione di Alpitour World - ha il dovere etico e professionale di rappresentare per il settore di riferimento un modello di business sostenibile e umano. Meno plastica, la flotta di aerei più nuova di tutte le compagnie europee che ci permette forti risparmi di carburante, forte attenzione ai consumi, riciclaggio e riciclo, una decisa riduzione dell'uso nella carta e l'efficientemento energetico dei nostri hotel e dei nostri uffici. È da tempo che lavoriamo su queste tematiche, siamo in viaggio, consapevoli che è necessario dare un'ulteriore accelerazione per avere un metodo condiviso e obiettivi trasversali a tutte le divisioni. La tecnologia fine a sé stessa è sterile e alle risorse umane servono strumenti e motivazione: questa consapevolezza ci aiuta a orientare lo sviluppo in una chiave responsabile, anche rivolta al Pianeta".

La volontà di raccontare in modo chiaro il nuovo corso di Alpitour World, ha portato alla nascita del nuovo marchio corporate, rivisitato nel font e nel simbolo, che conserva lo storico gabbiano per dargli nuova vita e trasformarlo in un infinito. Il segno grafico che raccoglie la tradizione eredità di Alpitour World e la proietta verso il futuro. "Il cambiamento è l'unica costante della natura - racconta Tommaso Bertini, Direttore Marketing Corporate e Tour Operating di Alpitour World - E' fondamentale reinventarsi continuamente per guardare al domani e soddisfare clienti con bisogni ed esigenze sempre diverse. Il nostro impegno è per promuovere un turismo più consapevole, ridurre l'impatto ambientale e migliorare le condizioni delle comunità in cui operiamo. Lo facciamo con un nuovo sito, un nuovo logo, e una nuova campagna di comunicazione. Un nuovo abito, più contemporaneo, come punto di incontro tra continuità, innovazione e amore per il pianeta".