Turismo radici, Della Vedova: opportunità ma servono risposte

·1 minuto per la lettura
featured 1416435
featured 1416435

Roma, 5 lug. (askanews) – Turismo delle radici, una grande opportunità che però necessità

i proposte e risposte specifiche. Lo ha evidenziato ad askanews

il Sottosegretario di Stato agli Esteri Benedetto Della Vedova.

“C’è un bacino di 80 milioni di persone con origini italiane nel

mondo, e ovviamente se è vero che l’Italia è una meta turistica

mondiale, in sè un patrimonio mondiale della cultura e del

paesaggio oltre ad ospitare numerosissimi siti patrimoni Unesco

dell’umanita, è chiaro che in particolare nella promozione del

nostro Paese in termini di attrazione di turisti e visitatori,

credo che dobbiamo meglio sviluppare, insieme alle regioni, una

attività di promozione specifica. Che naturalmente significa

essere in grado di offrire a chi le cerca le chiavi per

recuperare, in termini non solo di cultura ma anche di memoria,

le proprie radici che magari sono non solo di una ma di due o tre

generazioni fa se non addirittura di quattro – ha detto Della

Vedova -. Non deve essere solo un richiamo generico, venite a

vedere l’Italia terra dei vostri avi, ma venite a scoprire nel

dettaglio le vostre radici. E questo significa non solo creare un

meccanismo virtuoso in termini turistici ma anche attrarre

persone che magari vogliono acquistare case o terreni, o che

magari vogliono investire come spesso succede, perchè abbiamo

casi di imprenditori nati all’estero che hanno avuto successo

all’estero e che poi sono tornati in Italia alla ricerca delle

proprie radici e che hanno deciso di fare impresa in Italia e

creando lavoro. Bisogna quindi focalizzare l’attenzione e dare

risposte specifiche a chi ricerca le proprie radici”.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli