Turismo, sì ad accordo tra Piemonte, Liguria e Valle d'Aosta

Gci

Roma, 4 nov. (askanews) - È stato approvato dalla Giunta regionale, su proposta dell'Assessore al Turismo, Sport, Commercio, Agricoltura e Beni culturali, Laurent Viérin, lo schema di accordo di collaborazione tra le Regioni Piemonte, Liguria e Valle d'Aosta per rafforzare e migliorare l'attrattività turistica dei territori.

La sottoscrizione di tale accordo fa seguito alla precedente collaborazione tra la Valle d'Aosta e la Liguria. La Regione Piemonte ha manifestato il proprio interesse ad aderire a tale progetto, di cui condivide i presupposti e gli obiettivi, tenuto anche conto che le tre Regioni intrattengono rapporti consolidati di collaborazione nell'ambito di molti progetti di cooperazione territoriale.

Con questo ulteriore accordo - sottolinea l'Assessore Laurent Viérin - intendiamo estendere le azioni di promozione e cultura dei tre territori oltre a creare le sinergie tra i sistemi turistici delle tre Regioni così da migliorare la complementarietà delle destinazioni turistiche in termini sia di offerta che di promozione. Grazie a questa nuova collaborazione si estendono le strategie e le programmazioni turistiche che presentano elementi comuni e sinergici. La volontà è quella di identificare nelle proprie specificità ed eccellenze territoriali gli elementi di identità sui quali fondare una maggiore competitività turistica, anche al fine di proporre la propria offerta a nuovi mercati internazionali Il settore turistico rappresenta un asset strategico per lo sviluppo dei rispettivi sistemi economici grazie allo straordinario patrimonio culturale delle tre realtà e all'ampia offerta nei diversi settori dell'outdoor, dell'enogastronomia, dell'escursionismo e dei borghi e villaggi rurali. Queste azioni messe in campo, unite a iniziative concrete e a progetti di cooperazione, vanno nella direzione di rilanciare le economie turistiche locali così da dare impulso alle piccole realtà e alle particolari specificità presenti nei territori delle tre Regioni, aggiunge l'Assessore Viérin.