Tutti i benefici della spaccata. E perché andrebbe fatta regolarmente a tutte le età

Nicoletta Moncalero

Era un vanto da piccoli: mostrare flessibilità ad amici e parenti esibendosi in una spaccata perfetta. Un esercizio che forse abbiamo fatto male a smettere di fare, almeno secondo quanto dicono i giapponesi. Una in particolare, Eiko, ha convinto tutti, anche quelli non più giovani e poco snodati. Il New York Times l'ha definita la nuova Marie Kondo. E tanto per iniziare l'insegnante di yoga di Osaka ha già venduto in casa più o meno 2 milioni di copie. Milioni di visualizzazioni anche per i suoi video tutorial su Youtube. Ora il suo libro "Tutti possono fare la spaccata con il magico metodo giapponese" edito da Vallardi.

Tecnicamente si tratta di "shake yoga", una serie di esercizi da fare tranquillamente a casa, tutti i giorni, seguendo un programma ben stabilito e dimostrato per quattro settimane. Alla fine il risultato è garantito, e non solo in termini di prestazione atletica. Il metodo di Eiko promette di migliorare la postura, prevenire gli infortuni e favorire la circolazione.

Sugako Nishino ha iniziato a frequentare le lezioni della maestra all'età di 70 anni. All'inizio non riusciva ad aprire le gambe neppure un po', dopo due mesi, la svolta. I movimenti del corpo sono diventati più leggeri, non ha più il fiatone quando sale le scale di casa fino al secondo piano. Confessa di muoversi con molta più agilità rispetto a sua figlia che ha 53 anni. Keiko Ichiki ha 68 anni, ha iniziato ad allenarsi a 63. Prima non riusciva a flettere il busto in avanti tenendo le gambe divaricate. Ora ha perso 5 chili e non soffre più di dolori alle articolazioni delle ginocchia. Hiraoka Akemi, 66 anni, invece ha migliorato i suoi problemi di circolazione. "Quando supererete il complesso della rigidità – dice la regina della spaccata, Eiko – vi congratulerete con voi stessi, non ho dubbi. La sicurezza di sé che nasce dall'aver superato il proprio limite infonderà nuova luce nella vostra vita. Dovete assolutamente provare la sensazione di benessere che dà...

Continua a leggere su HuffPost