Tutti gli incidenti che hanno riguardato funivie e teleferiche

·4 minuto per la lettura
Funivie e teleferiche
Funivie e teleferiche

L’incidente avvenuto in Piemonte presso la funivia di Stresa-Alpino Mottarone, ceduta nella mattina di domenica 23 maggio, si inserisce in un contesto più ampio caratterizzato da numerosi avvenimenti analoghi che, nel corso degli anni, si sono verificati presso impianti destinati a funivie e teleferiche.

Funivie e teleferiche, tutti gli incidenti: il caso Stresa-Alpino Mottarone

Nel corso degli ultimi decenni, si sono susseguiti svariati e gravi incidenti che hanno riguardato funivie e teleferiche, segnalati non soltanto in Italia ma anche in contesto internazionale. Simili episodi hanno provocato ingenti perdite di vite umane, causate perlopiù da problemi di manutenzione o improvvisi guasti tecnici. A questi, ultimo in ordine di tempo, si aggiunge il dramma avvenuto in Piemonte e che ha coinvolto la funivia di Stresa-Alpino Mottarone.

Tra gli eventi più drammatici che si sono verificati entro i confini italiani, possono essere ricordatele due vicende denunciate al Cermis: la prima, datata marzo 1976, scaturì da un incidente tecnico che determinò lo schianto di una cabina della funivia e la morte di 42 persone mentre la seconda, datata febbraio 1998, si sviluppò in seguito al sopraggiungere di un aereo militare statunitense che tranciò di netto i cavi dell’impianto stroncando la vita di 20 persone.

Funivie e teleferiche, tutti gli incidenti degli anni ’70-‘90

I più gravi incidenti che riguardano funivie e teleferiche dislocate a livello mondiale si sono verificati a partire dagli anni ’70 del secolo scorso.

Il 13 luglio 1972, infatti, una cabina di una teleferica è precipitata a Betten-Bettmeralp, nelle Alpi svizzere, con un bilancio totale di 13 vittime.

Il 9 marzo 1976, in prossimità di Cavalese, in Trentino, si registra la caduta di una cabina della funivia di Cermis che, come già anticipato, provocò 42 morti.

Il 13 febbraio 1983, tre cabine dell’ovovia diretta al Crest crolla a Champoluc, in Valle d’Aosta, con un bilancio totale di 11 vittime.

Il 1° giugno 1990, due cabine della teleferica crollano a Tbilisi, in Georgia, in seguito all’improvvisa rottura di un cavo, con un bilancio totale di 15 morti. Allo stesso modo, il 5 giugno 1993, sempre per la rottura di un cavo, una cabina di una funivia si schianta a Bakhtela, in Pakistan, uccidendo 13 persone.

Il 3 febbraio 1998, ancora a Cermis, un aereo pilotato dai marines statunitensi di Aviano recise un cavo della funivia facendo precipitare una cabina nel vuoto e uccidendo 20 dei presenti.

Il 1° luglio 1999, poi, una cabina della teleferica del Pic de Bure, in Francia, si schianta al suolo, massacrando 20 soggetti.

Funivie e teleferiche, tutti gli incidenti del nuovo millennio

Con l’arrivo del nuovo millennio, gli incidenti afferenti a funivie e teleferiche non sono diminuiti, registrando al contrario molte più vittime rispetto a quelle segnalate in occasione dell’ultimo trentennio del Novecento.

L’11 novembre 2000, in Austria, un incendio divampato su un trenino funicolare, che attraversava una suggestiva galleria per raggiungere il ghiacciaio del Kitzsteinhorn – rinomata meta turistica – dal paese di Kaprun, decretò la drammatica morte di 155 persone, soffocate dal fumo.

Il 5 settembre 2005, una imponente trave di cemento trasportata da un elicottero e non fissata in modo adeguato è caduta abbattendosi su una cabina della funivia situata in prossimità del ghiacciaio tirolese della Oetztal, in Austria, uccidendo 9 persone.

Il 22 marzo 2008, un problema emerso nella funivia di Pragelato al Sestriere, in Piemonte, ferì 14 individui seppur in modo lieve.

L’8 settembre 2016, la funivia “Panoramic Mont-Blanc” – che congiunge l’Aiguille du Midi alla Punta Helbronner, situata sul versante italiano del Monte Bianco – rimase bloccata in quota per un guasto tecnico: in questa circostanza, il tempestivo intervento delle autorità competenti riuscì a trarre in salvo oltre un centinaio di soggetti presenti a bordo della cabina.

Il 24 dicembre 2016, poi, le funi della telecabina Plan Maison-Cime bianche laghi a Cervinia si accavallarono a causa del maltempo, restando bloccata. Anche in questo caso, però, i 153 sciatori rimasti coinvolti nella vicenda vennero salvatinel corso di un’operazione durata più di sette ore.

Infine, domenica 23 maggio 2021, ha avuto luogo l’incidente che ha riguardato la funivia di Stresa-Alpino Mottarone, in Piemonte, che ha provocato 13 morti e 3 feriti.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli