Tutti gli uomini del Capitano

Pietro Salvatori
·Giornalista politico, Huffpost
·2 minuto per la lettura
Salvini (Photo: ansa)
Salvini (Photo: ansa)

Dopo un’ora di interruzioni, di veti, di animate discussioni, il Consiglio dei ministri vara la lista dei sottosegretari. Mario Draghi affida nelle mani di Franco Gabrielli i Servizi segreti, poi si dipana una lista di undici esponenti del Movimento 5 stelle, 9 della Lega, 6 di Pd e Forza Italia, 2 di Iv, 1 di Leu, Azione e +Europa, Cencelli rispettato. Spicca l’operazione di Matteo Salvini, che dopo aver dato il via libera a Giancarlo Giorgetti al governo, incassa una serie di fedelissimi su caselle pesanti. Così come pesanti sono alcune deleghe incassate da Forza Italia, a partire da quella all’Editoria, fra i principali motivi di scontro del burrascoso Cdm che ha partorito l’elenco. Tra i 5 stelle prevale la linea governista: Laura Castelli ottiene l’unico posto da viceministro all’Economia, Anna Macina, molto vicina alle posizioni di Luigi Di Maio, spunta una delle due poltrone alla Giustizia, Pierpaolo Sileri è confermato alla Salute. Il Pd ne esce fortemente ridimensionato numericamente, e forse, nel complesso delle possibili deleghe, paga lo scotto più alto.

Ma è sicuramente Salvini ad aver occupato strategicamente caselle chiave con uomini su cui può fare affidamento. La casella più simbolica è sicuramente quella occupata da Nicola Molteni, un ritorno all’antico: torna infatti al Viminale dopo esserci stato da battagliero alfiere dei decreti sicurezza, un pulpito che potrebbe essere fondamentale per condizionare l’agenda sui temi di sicurezza e immigrazione. Un’altra conferma è il salviniano Claudio Durigon, che rispetto all’epoca gialloverde trasloca dal Lavoro all’Economia, così come Lucia Borgonzoni che ritorna alla Cultura e Gian Marco Centinaio, nuovamente all’Agricoltura dopo essere stato ministro, motivo di grande contrarietà per il titolare del dicastero, il 5 stelle Stefano Patuanelli. Un volto nuovo e un altr...

LA LISTA DEI 39 SOTTOSEGRETARI

Presidenza del Consiglio

• Deborah Bergamini, Simona Malpezzi (rapporti con il Parlamento)

• Dalila Nesci (Sud e coesione territoriale)

• Assuntela Messina (innovazione tecnologica e transizione digitale)

• Vincenzo Amendola (affari europei)

• Giuseppe Moles (informazione ed editoria)

• Bruno Tabacci (coordinamento della politica economica)

• Franco Gabrielli (sicurezza della Repubblica)

Esteri e cooperazione internazionale

Marina Sereni - viceministro

Manlio Di Stefano

Benedetto Della Vedova

Interno

Nicola Molteni

Ivan Scalfarotto

Carlo Sibilia

Giustizia

Anna Macina

Francesco Paolo Sisto

Difesa

Giorgio Mulè

Stefania Pucciarelli

Economia

Laura Castelli - viceministro

Claudio Durigon

Maria Cecilia Guerra

Alessandra Sartore

Sviluppo economico

Gilberto Pichetto Fratin - viceministro

Alessandra Todde - viceministro

Anna Ascani

Politiche agricole alimentari e forestali

Francesco Battistoni

Gian Marco Centinaio

Transizione ecologica

Ilaria Fontana

Vannia Gava

Infrastrutture e trasporti

Teresa Bellanova - viceministro

Alessandro Morelli - viceministro

Giancarlo Cancelleri

Lavoro e politiche sociali

Rossella Accoto

Tiziana Nisini

Istruzione

Barbara Floridia

Rossano Sasso

Beni e attività culturali

Lucia Borgonzoni

Salute

Pierpaolo Sileri

Andrea Costa

Questo articolo è originariamente apparso su L'HuffPost ed è stato aggiornato.