Tutti in Italia. A Salisburgo Conte si piega alla proposta Merkel-Juncker: chi non accoglie i migranti, paga

Angela Mauro
Chi non accoglie i migranti, paga. Un principio che i partner europei hanno

Chi non accoglie i migranti, paga. Un principio che i partner europei hanno sempre cercato di infilare nelle discussioni con l'Italia. Finora non era passato, ieri sera invece a Salisburgo il premier Giuseppe Conte lo ha accettato. L'approccio italiano cambia e non 癡 roba da poco: offre una via d'uscita ai tanti che non ne vogliono sapere di accogliere i migranti, non si vogliono caricare addosso i 'casi Diciotti' scatenati da Matteo Salvini che blocca le navi nei porti. Insomma, la tavola europea 癡 apparecchiata per chi dice no e potenzialmente i migranti che sbarcano possono restare tutti in Italia. Il cambio 癡 scattato ieri sera alla cena di Conte con gli altri leader Ue, nella grande sala concerti della citt� di Mozart, pi羅 di quattro ore di discussione principalmente sul dossier migranti.

Conte insomma apre alla proposta accennata da Jean Claude Juncker ieri prima dell'inizio di questo vertice informale, apre le porte dell'Italia ad un principio che da sempre Bruxelles tenta di farci accettare, sulla spinta dei partner dell'est. Non 癡 roba da poco. E' una lancia spezzata a favore dei paesi che hanno ostacolato il piano di ridistribuzione dei migranti elaborato dalla Commissione Juncker nel 2015: il blocco di Visegrad, gli alleati sovranisti di Matteo Salvini, quell'area politica che oggi vola nei sondaggi di tutta Europa preoccupando tutti gli altri partiti e anche i cinquestelle italiani.

Ma vediamo con ordine. Ieri sera la proposta Juncker 癡 stata presentata anche da Angela Merkel, naturalmente. E adesso, raccontano ad Huffpost fonti della delegazione italiana, sar� lei a stilare un elenco di paesi che dicano s穫 all'accoglienza dei migranti che sbarcano in Italia. Vale a dire paesi che in automatico poi dovrebbero farsi carico di smaltire eventuali altri 'casi Diciotti', diciamo cos穫. La Cancelliera punta a comporre un elenco il pi羅 largo possibile e vorrebbe presentarlo al consiglio europeo del 18 ottobre. Sar� la lista cosiddetta 'attiva',...

Continua a leggere su HuffPost