Tutti i paesi europei stanno varando misure contro il Coronavirus

·1 minuto per la lettura
covid europa
covid europa

L’Europa sta tentanto di contrastare l’emergenza legata alla seconda ondata di Covid-19. I governi stanno o hanno già varato nuove misure di restrizione utili a contrastare la diffusione del virus. Mentre l’Italia è stata divisa in zone in relazione al livello di rischio, in Paesi come la Francia è stato promosso un lockdown soft. C’è, intanto, grande attesa per i primi risultati che tali provvedimenti dovranno dare affinché la curva dei contagi cali.

L’emergenza Covid-19 in Europa

A fronte di un nuovo aumento dei casi di Covid-19 tutti i Paesi europei hanno emesso nuovi provvedimenti. In Francia il lockdown soft (le scuole, gli uffici e le fabbriche restano aperte) varato a fine ottobre è stato ulteriormente prolungato di 15 giorni.

Anche in Inghilterra, il Paese che conta più morti, si ha un blocco di questo genere, fino al 2 dicembre. Non si possono, inoltre, incontrare persone estranee al nucleo familiare in casa e, all’esterno, questo è concesso per un solo non convivente.

Lockdown soft anche in Germania, dove sono stati chiusi ristoranti, bar, discoteche. Restano permessi, come nelle zone arancioni e rosse d’Italia, solo l’asporto e la consegna a domicilio. Interrotte anche le attività sportive amatoriali.

Per la Grecia niente lockdown, bensì soltanto coprifuoco. Dalle 21.00 alle 5.00 del mattino successivo la popolazione non potrà spostarsi salvo motivi di lavoro o salute.

In Spagna, invece, le decisioni sono state affidate alle regioni, che potranno autonomamente attuare misure più o meno restrittive in base al livello di rischio. A Madrid, una delle città più colpite, ad esempio, non si potranno oltrepassare i confini.