Tutti i segreti che i dipendenti delle compagnie aree ti nascondono quando voli

(foto REUTERS/Albert Gea)

I segreti delle compagnie aeree, tutto quello che avreste sempre voluto sapere

Prendere un aereo è diventato per molti facile come bere un bicchier d’acqua, ma chi frequenta gli aeroporti soltanto per andare in vacanza ha sempre a che fare con protocolli e rituali che forse non comprende fino in fondo: ci pensiamo noi a svelarvi alcuni segreti delle compagnie aeree che i dipendenti in genere nascondono. Avete mai notato, per esempio, che quando piove l’atterraggio è generalmente più brusco? Non è per incapacità del pilota, ma perché in questo modo si evita il rischio di acquaplaning. E perché secondo voi si spengono le luci per atterrare di notte? In caso remoto di emergenza, i vostri occhi sarebbero già abituati al buio e avrete meno difficoltà nell’evacuare il velivolo. A proposito di emergenza, inoltre, vi farà “piacere” sapere che le mascherine per l’ossigeno hanno soltanto 13-15 minuti di autonomia in caso di depressurizzazione della cabina e ad alta quota è bene indossarle immediatamente poiché abbiamo circa 15-20 secondi prima di svenire.

LEGGI ANCHE:>> Il trucchetto facile facile per far arrivare prima di tutti il bagaglio sul tapis roulant

Altro capitolo su cui si polemizza ciclicamente è l’uso del telefonino durante il volo: il rischio che le onde elettromagnetiche interferiscano con le comunicazioni tra il pilota e la torre di controllo sono in verità molto remote. Secondo l’Economist, quando la Commissione federale per le comunicazioni americana ha vietato l'uso dei telefoni in aereo non lo ha fatto per motivi di sicurezza, ma per evitare che la ricerca continua del segnale provocasse guasti alle linee: stando a quanto riporta Focus.it, infatti, “le reti telefoniche mobili possono sopportare che un cellulare si muova alla velocità di un treno o di un'automobile. Non a quella di un aereo”.

LEGGI ANCHE: Naomi Campbell e la fobia dei germi in aereo: cos’ha fatto in volo?

Tra i segreti delle compagnie aeree anche qualche accortezza sull'uso della toilette

Un tasto dolente è l’igiene a bordo (AVETE VISTO COSA FA OGNI VOLTA NAOMI CAMPBELL CON GUANTI E MASCHERINA?): non tutte le compagnie aeree detergono vassoi, tavolini, sedili e braccioli; inoltre le coperte e le cuffiette che danno in dotazione non sempre sono usa e getta. Senza contare che è stato calcolato che c’è un bagno per 75 persone che volano con compagnie low cost e uno per 50 per chi sceglie le altre. L’E- Coli non manca mai, dunque fate attenzione. E chi avesse intenzione di darsi da fare col proprio partner nella toilette dell’aereo per provare l’ebrezza di farlo ad alta quota, rischia una bella figuraccia in pubblico: le porte possono essere facilmente aperte dall’esterno da parte dell’equipaggio. Speriamo di esservi stati utili e buon viaggio! Preview: Shutterstock Fotogallery: Kikapress