Tutti vogliono conquistare lo Spazio. Sta cominciando una seconda corsa?

(Getty)

La Cina è riuscita a portare un rover sulla faccia nascosta della Luna e i piani per il futuro sono ancora più ambiziosi. La Nasa sta approntando lo Space Launch System. Le aziende private lavorano a regime e pare che stia per cominciare una nuova, seconda, corsa allo Spazio.

A 50 anni dalla Luna

A cinquant’anni dallo sbarco statunitense sulla Luna, momento culmine della guerra fredda tra Usa e Unione sovietica, potrebbe presto cominciare, secondo alcuni esperti di politiche spaziali, una nuova battaglia, in questo caso pacifica, per l’esplorazione e la conquista dello Spazio.

Le conseguenze imprevedibili

Cosa comporterà questa nuova sfida non è ancora dato saperlo. Il rischio è che la competizione passi dal campo della scienza a quello militare. Uno scenario solo apparentemente irreale: le attuali posizioni dell’amministrazione Trump e il segreto impenetrabile sulle reali capacità tecnologiche della Cina in ambito spaziale lasciano aperte le porte a tutte le possibilità.

La missione della Cina

La sonda cinese Chang’e-4 è atterrata sulla faccia nascosta del nostro satellite, stabilendo un primato storico: mentre la parte visibile della Luna, infatti, è stata esplorata in più occasioni, nessuno finora aveva tentato lo sbarco, ben più difficile, sul lato opposto. La missione era stata lanciata il 7 dicembre scorso dalla base spaziale di Xichang, nella provincia del Sichuan, e dopo poco meno di un mese di viaggio il lander e il rover sono allunati nel cratere Karman, un buco con circa 2mila e 500 chilometri di diametro.

Gli Stati Uniti e lo Space Launch System

Il Washington Post racconta che oltreoceano “non è stato ancora possibile mettere a punto una controproposta credibile ai piani di sviluppo a lungo termine della Cina. Né il popolo americano né il comando delle forze armate sembrano percepire l’importanza strategica delle operazioni della Cina nello spazio tra la Terra e la Luna. Vedono tutto attraverso le lenti dell’esperienza passata durante la guerra fredda, assumendo che le motivazioni che spingono la Cina siano le stesse di quelle che spingevano l’Unione sovietica – sostanzialmente prestigio e ‘spunta di caselle’ – ma non è così”. La Nasa si sta concentrando sullo Space Launch System, “il razzo più grosso e potente mai realizzato nella storia”, che nelle intenzioni dovrebbe aprire una nuova era per l’esplorazione dello Spazio aperto, al di là della bassa orbita terrestre.

Leggi anche:

Portogallo, salva la libreria di Harry Potter

Valentina Nappi shock “Stuprata da Salvini”

Crisi reali, Kate non invita Meghan al compleanno