Tutto ciò che c'è da sapere sull'assegno unico figli

·2 minuto per la lettura
Tutto ciò che c'è da sapere sull'assegno unico figli
Tutto ciò che c'è da sapere sull'assegno unico figli

Parte il 1° luglio 2021 l’assegno unico figli: proprio sul sito dell’Inps è stata resa disponibile la procedura per richiedere l’assegno al nucleo familiare per i lavoratori dipendenti del settore privato. Ma vediamo i dettagli.

Assegno unico figli 2021: al via dal 1° luglio

In primis, l’assegno unico familiare consisterà in un assegno mensile per tutte le famiglie che hanno a carico figli fino a 21 anni. Il valore massimo dell’assegno è di 250 euro, verrà distribuito in base all’Isee, ed è composto da un valore fisso e uno variabile al variare del reddito complessivo della famiglia.

Questo aiuto sarà disponibile dal 1 luglio 2021 al 30 giugno 2022. La procedura, come spiega l’Inps, è stata avviata con un messaggio dell’Istituto: tale comunicazione include le consuete tabelle di calcolo e rivalutazione annuale dei redditi per il nucleo familiare rispetto alle diverse tipologie di nuclei e maggiorazioni per i nuclei con figli.

Assegno unico figli 2021: chi può beneficiarne?

Dunque, a chi spetta questo assegno?

Questo sostegno verrà attribuito a lavoratori dipendenti, autonomi o incapienti. In realtà, possono fare richiesta pure tutte le mamme dal settimo mese di gravidanza. In aggiunta, dai 18 anni una somma ridotta potrebbe essere accreditata al figlio se si verificano le seguenti condizioni:

  • è iscritto all’università

  • è un tirocinante

  • è iscritto a un corso professionale

  • svolge il servizio civile

  • svolge un lavoro a basso reddito.

Come già accennato, l’assegno sarà legato all’Isee. Infatti, l’importo diminuisce di molto di fronte ad un Isee alto. Per fare un esempio, per un Isee sopra i 52mila euro, il contributo scende a 67 euro mensili per i figli minori e a 40 euro per i figli maggiorenni ma di età inferiore ai 21 anni.

Assegno unico figli 2021: come fare domanda

I lavoratori dipendenti del settore privato possono inoltrare la domanda telematica di assegno per il nucleo familiare per il periodo valido dal 1° luglio 2021 al 30 giugno 2022, seguendo la specifica procedura presente sul portale dell’Istituto.

Si potrà effettatuare l’accesso all’area riservata con:

  • Sistema Pubblico di Identità Digitale (SPID);

  • Carta di Identità Elettronica (CIE)

  • Carta Nazionale dei Servizi (CNS);

  • PIN INPS rilasciato prima del 1° ottobre 2020.

In alternativa si può fare domanda attraverso Patronati e intermediari dell’Istituto, mediante servizi telematici offerti dagli stessi, anche se non in possesso di PIN.
Oppure come ultima soluzione, tramite: Contact center al numero 803 164 (gratuito da rete fissa) oppure 06 164 164 da rete mobile.

Ricevute tutte le richieste, solo l’Inps calcolerà gli importi giornalieri degli assegni al nucleo familiare e quelli mensili teoricamente riconosciuti in base:

  • alla composizione del nucleo familiare

  • al reddito conseguito negli anni precedenti.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli