Tutto il fuoco del Donbass

I campi di Ucraina, che corrono verso oriente, restano preda dei boati delle artiglierie, delle colonne di fumo come quelle che indicano le campagne attorno a Severdonetsk dove si giocano i destini del Donbass. Per Mosca la città è conquistata ma Kiev smentisce anche se resta probabile un ripiegamento dei difensori di quel che resta dell'urbano. Anche attorno a Lysychanks imperversano gli scontri. Sono queste le informazioni che un ufficiale trasferisce a un reporter di guerra estero.

Le vittime più fragili

I più fragili sono le vittime designate non solo se finiscono sulla linea del fuoco ma perché le generali condizioni di sopravvivenza si fanno impossibili per gli anziani. Uno di loro si è nascosto nella boscaglia dopo aver perso la casa a Lysychanks. La paura costante è quella del martellamento delle bombe da entrambe le parti. La maggior parte dei residenti è fuggita, ma alcuni non hanno scampo se la rete familiare è in difficoltà. Le famiglia adesso faticano a separarsi.

L'offensiva di Mosca

Con armi più sofisticate, la Russia dilaga nel Donbass. Si implementano anche i dispositivi di annessione della striscia meridionale ucraina già invasa nei primi giorni del conflitto, i leader locali filo-russi hanno preso in mano le redini dell'amministrazione e puntano a rapidi referendum come quello che hanno celebrato in Crimea nel 2014.

La difesa ucraina

Il governo ucraino resiste grazie alle forniture belliche occidentali ma paga un caro prezzo in vite umane. Gli istruttori occidentali continuano a preparare al combattimento i soldati di Kiev mentre le abilità dilplomatiche del mondo intero restano impotenti davanti alla tragedia più vecchia della storia che vuole risolvere ancora le liti solo con le armi.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli