Tutto sarebbe cominciato con un paziente risultato inizialmente negativo al tampone

·1 minuto per la lettura
Il Galliera di Genova
Il Galliera di Genova

Covid, attenzione alta e protocolli in atto per un focolaio in un reparto dell’ospedale Galliera di Genova, dove tutto sarebbe cominciato con un paziente risultato falso negativo al tampone o positivizzato all’interno. Il cluster covid è stato individuato in un reparto del nosocomio che oggi ha 33 pazienti ricoverati, ben 4 in Terapia Intensiva.

Focolaio in un reparto dell’ospedale Galliera: come è cominciato tutto

I media locali spiegano che il paziente che avrebbe avviato il focolaio nel nosocomio di Genova aveva manifestato i sintomi del coronavirus dopo un ricovero con successivo tampone negativo. Il dato suggerirebe due ipotesi: o quella di un tampone rapido con bassa attendibilità intorno al 60% o quello, molto più plausibile per ammissione stessa dei vertici ospedalieri, di un contagio “intra moenia”.

Ospedale Galliera, sul focolaio in reparto arriva la nota della direzione

Una nota ufficiale della direzione spiega comunque che “è in atto un cluster verificatosi in reparto non Covid, iniziato una ventina di giorni fa con il primo caso (indice): un paziente non vaccinato contro il Covid, entrato in pronto soccorso con tampone molecolare eseguito in giornata stessa e risultato negativo”.

Positivo dopo due tamponi negativi: come è nato il focolaio in un reparto dell’ospedale Galliera

“Dopo il ricovero in Osservazione Breve Intensiva è stato trasferito in reparto dove ha eseguito un ulteriore test di screening, rapido e molecolare, risultando negativo. Il paziente si è positivizzato solo successivamente e dopo alcuni giorni è ulteriori test dapprima negativi”. Nell’arco di due settimane al Galliera sono risultati positivi altri 6 pazienti, tre vaccinati e 3 non vaccinati, a distanza di un paio di giorni l’uno dall’altro.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli