Tv: è morto Robert Hogan, volto familiare di tanti telefilm

·1 minuto per la lettura
default featured image 3 1200x900
default featured image 3 1200x900

Los Angeles, 2 giu. – (Adnkronos) – L'attore statunitense Robert Hogan, volto familiare di tanti telefilm, tra cui le serie "Peyton Place", "Bonanza", "Destini" e "Barnaby Jones", è morto nella sua casa sulla costa del Maine all'età di 87 anni. L'annuncio della scomparsa, avvenuta giovedì 27 maggio, è stato dato dalla famiglia a "The Hollywood Reporter", precisando che il decesso è stato causato dalle complicazioni di una polmonite.

Nel corso di una carriera di quasi 60 anni, l'attore è comparso in oltre 150 programmi televisivi, tra cui "Gli eroi di Hogan" (1965-1971), una serie che in chiave ironica narrava la vita di tutti i giorni di un gruppo di prigionieri di guerra in un campo di concentramento nazista durante la seconda guerra mondiale. Il personale principale della serie, l'americano catturato, il colonnello Hogan, interpretato da Bob Crane, prese il nome di Robert Hogan per volontà del suo amico e co-creatore del telefilm Bernard Fein. .

Hogan è apparso in fortunate serie tv degli anni '60, '70 e '80, come "Ai confini della realtà", "Il dottor Kildare", "Strega per amore", "Gunsmoke", "Missione impossibile", "Le strade di San Francisco", "Agenzia Rockford", "I segreti di Midland Heights", "Operazione Sottoveste", "La signora in giallo". Pur diradando le sue presenze, Hogan ha continuato a recitare fino a tre anni fa. Tra le sue più recenti apparizioni quelle in "Law & Order – I due volti della giustizia". Tra i suoi ruoli più memorabili, Hogan ha interpretato Tom Winter per due stagioni (1968-69) di "Peyton Place"; Greg Stemple dal 1977 al 1982 in "Alice"; Louis Sobotka, un maestro d'ascia in pensione e padre del personaggio di Pablo Schreiber in "The Wire" (2003).

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli