“TV 70: Francesco Vezzoli guarda la Rai”, la mostra alla Fondazione Prada a Milano

Francesco Vezzoli (Photo Matthias Vriens)

Un viaggio tra immagini e arte, un percorso indietro nel tempo che risveglia la nostra memoria collettiva. Dal 9 maggio al 24 settembre, alla Fondazione Prada di Milano, apre al pubblico la mostra “TV 70: Francesco Vezzoli guarda la Rai”, concepita da Francesco Vezzoli, artista contemporaneo tra i più apprezzati in tutto il mondo. I tempi difficili degli anni Settanta, quelli del cambiamento sociale, sono raccontati in forma visiva, con il contributo della Rai. Il patrimonio audiovisivo di Teche Rai, infatti, ha fornito all’artista spunto creativo per realizzare una rassegna che tocca le tappe più significative della storia del nostro Paese.

Tre sezioni per scandire il viaggio indietro nel tempo, tra arte, politica e intrattenimento, in cui la tv riporta, attraverso le immagini dei momenti salienti di quel periodo, le emozioni più autentiche che hanno caratterizzato il nostro passato e che non devono mai essere dimenticate. Gli anni Settanta sono anche quelli della maturità della Rai: lo sviluppo della tecnologia da un lato e la riforma Rai del ’75 fanno in modo che proprio in quel decennio di compia un arco produttivo senza eguali, per ispirazione, qualità culturale e innovazione. Nomi come quelli di Corrado, Pippo Baudo, Mike Buongiorno, Enzo Tortora e Maurizio Costanzo iniziano in questi anni il loro percorso professionale che li ha resi punti fermi della nostra televisione.

Raffaella Carrà a Canzonissima

Vezzoli “guarda” la tv attraverso l’importante lavoro di ricerca di materiale fotografico e audiovisivo fatto nel grande catalogo multimediale Rai che contiene ad oggi più di 3 milioni di ore di audio e video. La mostra “TV 70”, quindi, rappresenta per la Rai un mezzo per affermare il suolo di media company, senza dimenticarsi di assolvere il suo ruolo di servizio pubblico. Si guarda al futuro, valorizzando il passato, tutto in una mostra.

Usando Yahoo accetti che Yahoo e i suoi partners utilizzino cookies per fini di personalizzazione e altre finalità