Tv: dall'esordio con Edoardo all'avventura con Arbore, i 70 anni di Marisa Laurito

·2 minuto per la lettura
default featured image 3 1200x900
default featured image 3 1200x900

Roma, 18 apr. (Adnkronos) – Dagli esordi con Edoardo all’avventura di ‘Quelli della notte’ con Renzo Arbore che le ha insegnato a lanciarsi “nel meraviglioso cielo dell’improvvisazione”. E ancora l’amore per la sua Napoli e gli incontri che hanno segnato la sua vita professionale, e non solo, con Luciano De Crescenzo, Ugo Tognazzi e Bud Spencer. Sono tante le sfumature delle quali si è colorata la carriera di Marisa Laurito che domani arriverà al traguardo dei 70 anni. Attrice, cabarettista e conduttrice televisiva dalla vena inesauribile e dall’ironia tutta partenopea, la Laurito si racconta ora, quasi per festeggiarsi nel modo migliore, nell’autobiografia ‘Una vita scapricciata’ arrivata in libreria per Rizzoli da qualche giorno.

Nata il 19 aprile del 1951 mentre, come lei stessa rivela, nella casa accanto alla sua “don Gennaro, appassionato di lirica, stava cantando ‘Vincerò…vinceròòòò’, la Laurito ha sempre mostrato il desiderio di diventare attrice. Tanto che, fin da giovanissima, riesce ad entrare nella compagnia di Edoardo De Filippo con cui debutta nel 1969 in ‘Le bugie con le gambe lunghe’. Ancora sul palcoscenico, approda nel gruppo ‘I Cabarinieri’, inaugurando il 15 dicembre 1972, il Teatro cabaret Sancarluccio di Napoli. Non solo teatro, però, per Marisa Laurito.

Sono molti, infatti, i film nei quali ha recitato: il suo debutto risale al 1976 nella pellicola ‘Perdutamente tuo… mi firmo Macaluso Carmelo fu Giuseppe’ diretta da Vittorio Sindoni. Dai piccoli ruoli a parti sempre più rilevanti fino ad una vera amicizia, quella con Luciano De Crescenzo, per il quale ha recitato nel film da lui diretto ‘Il mistero di Bellavista’ del 1985. E poi la televisione, dove spopola insieme a tutta la band di Renzo Arbore e di ‘Quelli della notte’. Una ‘geniale avventura corale’ orchestrata dall’inventiva di Renzo Arbore il quale, ricorda la Laurito nella sua autobiografia, “ha spalancato una porticina nel mio cervello”. Sempre agli anni Ottanta risale la sua partecipazione a un altro programma di successo, accanto a Raffaella Carrà nello spettacolo di prima serata ‘Buonasera Raffaella’ in onda tra il 1985 e il 1986.