Tv: Marta & Eva, sogni e amicizia fra ragazzi nella nuova serie su Rai Gulp (2)

·2 minuto per la lettura
default featured image 3 1200x900
default featured image 3 1200x900

(Adnkronos) – Sottolinea il tema dell’”amicizia che rende più forti e che fa crescere” anche il direttore di Rai Ragazzi Luca Milano: “Sono i punti chiave di Rai Gulp, le fiction sono sempre più prodotte in Italia, è sono spesso sulla preadolescenza, dato che il pubblico della rete è essenzialmente quello delle scuole medie. Produciamo 4-5 serie di questo tipo all’anno e, in un periodo di isolamento legato all’epidemia, il tema importante è quello della fiducia in se stessi e sulle proprie capacita, ma anche quello dell’amicizia e della coesione. In questo periodo in cui i ragazzi sono stati isolati, la fiction ha anche questo carattere importante in ‘Marta & Eva’, che è una storia di amicizia ma anche il racconto di come le due protagoniste vivono all’interno delle loro famiglie, il rapporto con i loro genitori. Le dinamiche che si ripercorrono fra Marta e la madre o fra Eva e suo padre riproducono il desiderio di uscire dagli schemi, di ricercare un proprio futuro diverso da quello proposto dalle famiglie. C’è poi l’aspetto della protezione delle famiglie, quello dei genitori che hanno paura che i figli possano sbagliare”.

“Per raccontare una storia di ragazzi devi un po’ tornare ragazzo – prosegue Norza – cercando di recuperare ciò che abbiamo provato nell’adolescenza. L’esperienza che abbiamo maturato nel racconto dei ragazzi è anche l’aspetto estetico presente in queste produzioni, la purezza dei sentimenti, quelli veri, non una realtà artefatta. Penso – aggiunge – che la vera inclusione sia la normalizzazione: Eva è una ragazza come le altre, non mettiamo l’accento sulle provenienze geografiche. Le persone vanno affrontate per quello che sono e il colore della pelle non è una discriminante”.

A questo proposito, secondo Luca Milano, “la Rai rappresenta in modo ampio e inclusivo la società italiana, basta andare in una scuola italiana e vedere la composizione delle classi: noi facciamo quello che abbiamo sempre fatto, raccontare le storie italiane, la realtà di oggi che evolve in un’ottica di inclusione e di crescita”. Quanto alla scelta di inserire un gruppo di episodi anche su RaiPlay, Milano afferma che “accanto ai canali televisivi, i ragazzi vedono sempre più in modalità on demand e questa è una forma che si affianca, e che per ora funziona molto bene, ai canali tradizionali. Quanto alla partecipazione, nella serie, dell’influencer Marta Losito – aggiunge il direttore di Rai Ragazzi – non abbiamo interesse agli influencer in sé perché non è detto che in televisione ritrovino la quantità di follower del proprio pubblico. La cosa importante è che sappiano recitare”.