Tv: Marta & Eva, sogni e amicizia fra ragazzi nella nuova serie su Rai Gulp (3)

·2 minuto per la lettura
default featured image 3 1200x900
default featured image 3 1200x900

(Adnkronos) – Giulia Fazzini interpreta Marta, la pattinatrice che ama la musica. Audrey Mballa invece è Eva, la cantante che ama il pattinaggio. Entrambe sono alla loro prima esperienza recitativa. “Il mio è un personaggio che rimarrà nel cuore – dice la Fazzini perché è la mia prima esperienza interpretativa. Vestire i panni di questa ragazza più giovane di me è un ritorno al mio passato, avevo accumulato molti diari ed è stato un processo molto stimolante. Marta è una ragazza determinata e disciplinata, la madre è la sua allenatrice, si renderà conto che ciò che faceva le avrebbe garantito un futuro ma che in realtà non era il suo vero sogno e questo la mette in crisi, abbandona il suo nido e compie un salto nel vuoto, trovando fortunatamente supporto nei suoi amici, soprattutto in Eva. L’amicizia – sottolinea – è un tema importante, ma lo sono anche il rapporto con i genitori e la diversità, che non è mai un ostacolo nelle relazioni con gli altri. Ho apprezzato molto la colonna sonora originale in italiano, un genere allineato con i gusti musicali odierni”.

“Grazie a questa mia prima esperienza sul set – afferma la Mballa – sono riuscita a imparare molte cose da Eva, la ragazzina 14enne che interpreto, che mi serviranno sia nel presente che nel futuro. Eva ha una personalità molto forte in un ambiente, quello del pattinaggio, dove regna la gentilezza. Marta ed Eva sono lo yin e lo yang, si uniranno in un patto grazie al quale inseguiranno il loro vero sogno. Il fatto di essere nera non influenza il personaggio – aggiunge – per questo mi è piaciuto. Sono italiana perché sono nata qui, condivido delle cose con la cultura africana ma all’estero mi presento come italiana”.

Piero Crispino, a.d. e founder 3Zero2 che ha prodotto la serie, pone l’accento sulle “difficoltà incontrate nella lavorazione del film: per proteggere i ragazzi e la crew, e tutti coloro che dovevano stare tutti i giorni a girare – racconta – non sono potuto quasi mai andare sul set. Ci sono stati dei casi di Covid che potevano far saltare tutto, almeno cento persone hanno dovuto lavorare e vivere in spazi ristretti. Marta & Eva – aggiunge – mantiene la nostra tradizione di scopritori di talenti, le due protagoniste non avevano praticamente mai fatto un film prima, come la maggior parte degli attori del cast. Da produttore, ringrazio la Rai che ci ha sostenuto e permesso di lavorare: è molto importante che la Rai ci sia e sostenga il nostro lavoro di produttori indipendenti”.