Tv: Mediobanca, cala pubblicità, nel 2020 supporto da Olimpiadi ed Europei

Tv: Mediobanca, cala pubblicità, nel 2020 supporto da Olimpiadi ed Europei

Milano, 5 mar. (Adnkronos) – Con circa quattro ore di consumo medio giornaliero a persona, la televisione è ancora il canale di informazione e intrattenimento al quale gli italiani sono esposti più a lungo durante la giornata. E' quanto emerge dal Report tv dell'Area studi di Mediobanca. Tuttavia, la raccolta pubblicitaria dà segnali negativi. Secondo i dati Nielsen del 2019 analizzate da Mediobanca Securities, la raccolta pubblicitaria è scesa in generale dello 0,9%, con il forte calo della tv (-5,3%) parzialmente compensato dagli Over-The-Top (+9,2%) e dalla radio (+1,7%). Difficilmente, ritiene il report, il 2020 si discosterà da questo trend, anche se gli eventi sportivi del 2020, tra i Giochi Olimpici di Tokyo e il campionato europeo di calcio Euro 2020, potrebbero dare un’accelerazione alla raccolta pubblicitaria.

Per quanto riguarda le notizie, la televisione in chiaro rappresenta la principale fonte di notizie per i cittadini. Rai, in primis, e Mediaset sono sempre i due maggiori editori: nel 2018 i quattro telegiornali serali del Gruppo Rai (incluso il Tgr) sono stati seguiti complessivamente dal 54,6% della popolazione, i tre del Gruppo Mediaset dal 27,2%; segue TG La7 con il 5,5%. Al primo posto per ascolti si conferma nel 2018 il TG1 delle 20, seguito dal TG5.