Tv: Mediobanca, canone Rai resta più basso in Ue, Gb lo aumenta

Tv: Mediobanca, canone Rai resta più basso in Ue, Gb lo aumenta

Milano, 5 mar. (Adnkronos) – L'Italia vanta anche nel 2019 il canone più basso fra i maggiori Paesi europei, inferiore anche alla media Ue (0,25 euro al giorno per abbonato contro una media europea di 0,372). E' quanto emerge dal Report Tv dell'Area Studi Mediobanca.

Nel 2019 la quota del canone ordinario incassata dalla Rai è stata pari a circa l’83% del totale (percentuale inferiore alla media europea dell’89,5%), ovvero 74,4 dei 90 pagati annualmente da ogni abbonato; la quota del canone non incassata dalla Rai viene trattenuta dallo Stato: 15,6 per abbonato, equivalenti a circa 340 milioni ogni anno, in linea con l'anno precedente. E questo nonostante gli indici d’ascolto siano dominati dalla Rai, la tv pubblica più seguita in Europa (36,3% di share nel giorno medio nel 2018), più della Bbc (30,9%) e di France Télévisions (28,4%).

Sono invece molto più costose per i contribuenti la Tv pubblica tedesca (0,58 euro giornalieri), quella britannica (0,46) e la francese (0,38). Dal 2015 al 2019, fra i maggiori Paesi europei, solo l’Italia ha ridotto il canone; la Gran Bretagna l’ha incrementato del 6,2% e la Francia del 2,2%, stabile quello tedesco. Nel Regno Unito, in particolare, dal 1 aprile 2018 l’importo unitario del canone è di 150,5 sterline; dal 1 aprile 2019 è salito a 154,5 sterline.