Tv: Mediobanca, in Ue business da 100 mld (+2%), ottavo posto per Mediaset

Tv: Mediobanca, in Ue business da 100 mld (+2%), ottavo posto per Mediaset

Milano, 5 mar. (Adnkronos) – In Europa cresce nel 2018 il giro d’affari del mercato televisivo ed è di 100,3 mld (+2%). A crescere è soprattutto la Tv a pagamento (+4,3%). I principali operatori privati hanno fatturato 59 mld: di questi circa la metà sono generati da operatori statunitensi. Al primo posto per ricavi, sempre tra gli operatori privati, spicca Sky (15,2 mld), seguita da Rtl Group (6,5 mld) e da Netflix (5,6 mld). Ottavo posto per il primo broadcaster italiano, Mediaset (3,4 mld). In media, nel periodo 2014-2018 i colossi privati del settore televisivo sono cresciuti del 9,2%, ma gli Over The Top circa dieci volte più velocemente dei broadcaster tradizionali. Ottime le performance di Netflix (+80,3%), Prime Video Amazon (+63,9%) e Dazn Group (+10,6%).

La redditività industriale premia Cme tra i principali operatori dell’Est Europa. Mediaset si posiziona in coda, con un margine del 7% mentre ProSiebenSat.1, di cui Mediaset è primo azionista, si posiziona al quinto posto (15,3%). Mediaset spicca per solidità finanziaria (rapporto debiti finanziari/capitale netto pari al 40,5%), posizionandosi al secondo posto assoluto dietro Rtl Goup (25,2%), con performance nettamente superiori alla partecipata ProSiebenSat.1 (313,2%).

Sempre secondo ItMedia Consulting, dopo fusioni, acquisizioni e alleanze, il mercato del Video on demand in Europa Occidentale supererà nel 2022 quota 10 mld di giro d’affari, con tassi di crescita a doppia cifra (+12%). A livello più ampio, la Tv continuerà a essere il principale canale ma, per contenere l’avanzata dei servizi Ott, è prevedibile prosegua il consolidamento del settore, come sta accadendo con il progetto 'pan-europeo' di Mediaset finalizzato a integrare il mercato italiano e quello spagnolo.