Tv: Rai Storia, domani 'Il Segno delle Donne', protagonista Fernanda Gattinoni

·1 minuto per la lettura

Domani (ore 21.10) su Rai Storia andrà in onda la quarta puntata della docu-fiction 'Il Segno delle Donne', co-prodotta da Rai Storia e Anele dedicata alle sette figure femminili straordinarie del Novecento italiano. Protagonista Fernanda Gattinoni (1907 - 2002) la creatrice di moda che costruì negli anni ‘50 un impero della moda, 'intervistata' da Elena Stancanelli, rivive nell’interpretazione dell’attrice Elisabetta De Palo con la regia di Gisella Gobbi.

Nata in provincia di Varese, Fernanda Gattinoni perfezionò il suo interesse per il disegno di abiti sartoriali tra Londra, Parigi e Milano, per poi trasferirsi a Roma, dove, con grande coraggio e determinazione, alla fine della Seconda guerra mondiale, aprì il suo primo atelier andando totalmente controcorrente, staccandosi definitivamente dalla moda francese imperante fino a quel momento e creando uno stile del tutto italiano.

Nella 'Hollywood sul Tevere' la grande stilista, considerata una delle prime creative della moda, collaborò con i più grandi registi, vestendo le grandi star del cinema internazionale, da Ingrid Bergman ad Anna Magnani a Audrey Hepburn, con cui strinse profonde amicizie. Eleganza, dedizione al lavoro, generosità e umanità, sono le qualità che fecero di Madame Gattinoni, come amava essere chiamata, "una diva tra le dive", fissando la sua casa di moda e il suo stile unico nella Storia.

Per ripercorrere le tappe della sua vita e della sua straordinaria carriera, il racconto si arricchisce anche di immagini inedite provenienti dagli archivi di famiglia, filmati di repertorio e testimoni illustri, come il presidente onorario della maison Gattinoni Stefano Dominella, lo stilista Guillermo Mariotto, la première dell’atelier Maria Pellegrini, Patrizia Pizzicheria e la storica della moda Sofia Gnoli.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli