Tweet di Toti sui morti anziani per Covid scatena un putiferio

·1 minuto per la lettura
Tweet di Toti sui morti anziani per Covid scatena un putiferio
Tweet di Toti sui morti anziani per Covid scatena un putiferio

Genova, 2 nov. (askanews) – “Per quanto ci addolori ogni singola vittima del #Covid19, dobbiamo tenere conto di questo dato: solo ieri tra i 25 decessi della #Liguria, 22 erano pazienti molto anziani. Persone per lo più in pensione, non indispensabili allo sforzo produttivo del Paese che vanno però tutelate”. Il tweet di domenica del governatore della Liguria Giovanni Toti, ha scatenato un autentico putiferio sui social e nel mondo della politica, con commenti indignati e richieste di dimissioni.

Poche ore dopo il primo tweet ne è arrivato un altro di scuse e rettifica.

“Sto scrivendo questo post in prima persona e prego tutti di leggerlo con attenzione. Mi assumo sempre la piena responsabilità delle mie idee e delle loro esplicitazioni e lo faccio anche in questo caso. Un mio precedente tweet, scritto in effetti malamente da un mio collaboratore, ha scatenato l’inferno. E’ stata una cosa mal fatta. Mi dispiace e chiedo scusa, per me e per chi l’ha scritto. Chi lavora talvolta sbaglia. E magari imparando dall’errore, migliorerà in futuro” ha scritto Toti.

La rettifica non è bastata a placare l’indignazione della rete, e così il Governatore è tornato a scrivere sui social newtork indicando la sua linea. “Dobbiamo studiare politiche per tutelare le persone più anziane, fragili ed esposte. Dobbiamo proteggere chi rischia di più per questo virus. Tutto questo bisogna farlo provando a far andare avanti il Paese”. Il sasso però è stato lanciato e nascondere la mano rischia solo di peggiorare la situazione.