Tweet per Camilleri, Salvini nel mirino

webinfo@adnkronos.com
Basta un tweet di cordoglio per la morte di Camilleri - "Addio ad Andrea Camilleri, papà di Montalbano e narratore instancabile della sua Sicilia" - e Matteo Salvini finisce nel mirino dei social. A scatenare le polemiche contro il vicepremier, il ricordo del botta e risposta dello scorso giugno fra il leghista e lo scrittore siciliano. Tutto era partito da una frase di Camilleri, che aveva criticato con toni forti il comizio con rosario del vicepremier: "Non credo in Dio - aveva detto -, ma vedere Salvini impugnare il rosario dà un senso di vomito". Immediata e secca la replica del ministro su Facebook: "Camilleri dice che 'Salvini che impugna il rosario mi fa vomitare', gli dico Camilleri scrivi che ti passa". Il battibecco a distanza fra i due aveva immediatamente scatenato le reazioni piccate dei sostenitori di Salvini, che da allora avevano iniziato a commentare sui social le notizie sullo scrittore con dure invettive e parecchi insulti.  Oggi, quindi, il tweet per l'addio al Maestro e la reazione degli utenti, che accusano Salvini di essere un "ipocrita" e un "provocatore". "Non hai avuto rispetto di lui da vivo dovresti solo vergognarti di onorarlo da morto!!!", "se c'era una volta, UNA VOLTA, nella vita che potevi non scrivere niente e stare zitto, era in questa occasione", "come telegramma può andare. Ma a volte il silenzio è d'oro", sono solo alcuni delle decine di commenti comparsi sotto il tweet del ministro. Ma non tutti scrivono per contestarlo. Fra gli utenti c'è infatti anche chi apprezza il gesto: "Fu un suo tenace oppositore - scrive ad esempio Francesco - e il fatto che lei ugualmente lo ricordi dimostra che la Cultura può superare ogni barriera eretta dalla Politica".

Basta un tweet di cordoglio per la morte di Camilleri - "Addio ad Andrea Camilleri, papà di Montalbano e narratore instancabile della sua Sicilia" - e Matteo Salvini finisce nel mirino dei social. A scatenare le polemiche contro il vicepremier, il ricordo del botta e risposta dello scorso giugno fra il leghista e lo scrittore siciliano. Tutto era partito da una frase di Camilleri, che aveva criticato con toni forti il comizio con rosario del vicepremier: "Non credo in Dio - aveva detto -, ma vedere Salvini impugnare il rosario dà un senso di vomito". Immediata e secca la replica del ministro su Facebook: "Camilleri dice che 'Salvini che impugna il rosario mi fa vomitare', gli dico Camilleri scrivi che ti passa". Il battibecco a distanza fra i due aveva immediatamente scatenato le reazioni piccate dei sostenitori di Salvini, che da allora avevano iniziato a commentare sui social le notizie sullo scrittore con dure invettive e parecchi insulti.  

Oggi, quindi, il tweet per l'addio al Maestro e la reazione degli utenti, che accusano Salvini di essere un "ipocrita" e un "provocatore". "Non hai avuto rispetto di lui da vivo dovresti solo vergognarti di onorarlo da morto!!!", "se c'era una volta, UNA VOLTA, nella vita che potevi non scrivere niente e stare zitto, era in questa occasione", "come telegramma può andare. Ma a volte il silenzio è d'oro", sono solo alcuni delle decine di commenti comparsi sotto il tweet del ministro. Ma non tutti scrivono per contestarlo. Fra gli utenti c'è infatti anche chi apprezza il gesto: "Fu un suo tenace oppositore - scrive ad esempio Francesco - e il fatto che lei ugualmente lo ricordi dimostra che la Cultura può superare ogni barriera eretta dalla Politica".