Twitter, FT: Commissione Ue già minaccia Musk di “messa al bando”

·1 minuto per la lettura
Image from askanews web site
Image from askanews web site

Roma, 26 apr. (askanews) - Elon Musk non ha ancora fatto in tempo a perfezionare il suo take over di Twitter, che già dalla Commissione europea piovono minacce di sanzioni e perfino di "messa al bando", se non dovesse adeguarsi alle nuove normative sul controllo dei contenuti digitali. In una intervista il Financial Times, il commissario europeo al mercato interno, Thierry Breton afferma che "accogliamo favorevolmente tutti, siamo aperti, ma alle nostre condizioni. E a Musk diciamo: 'Elon queste sono le regole, sei il benvenuto ma le regole che valgono qui non sono le tue regole".

Il tutto mentre il vulcanico industriale si è lanciato su Twitter all'insegna del "free Speak", che ribadisce essere "la spina dorsale del funzionamento della democrazia". E per questo appare più che mai intenzionato a allentare i meccanismi di controllo e moderazione dei contenuti sul social network.

Il tutto mentre la Commissione Ue ha da poco varato nuove regole che costringeranno i giganti tecnologici e digitali a filtrare in maniera più aggressiva i contenuti online, riporta il quotidiano. Breton dice che i piani di Musk andranno "messi alla prova" e aggiunge che se il social network non si adeguerà al nuovo Digital Service Act l'Europa potrebbe metterlo alla porta.

"Se Twitter non ottempera alle nostre leggi ci sono sanzioni fino al 6% dei ricavi e, se continuano, c'è la messa al bando dall'operare in Europa", ha affermato l'eurocommissario. Insomma tutti gli ingredienti per un potenziale scontro tra il nuovo Twitter a guida Musk e l'esecutivo comunitario.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli