Twitter potrebbe non reggere la prova dei Mondiali

Avalon / AGF

AGI - Quando Elon Musk ha acquistato Twitter molti analisti supponevano che avrebbe annullato le politiche di moderazione o ripristinato account vietati. Ha fatto anche peggio. A meno di un mese dall'inizio della nuova era inaugurata dal tycoon, Musk ha tagliato drasticamente e indiscriminatamente il personale tecnico con conoscenze cruciali, ha sventrato i team che si occupano delle complesse politiche legali, della privacy e della loro applicazione. Ha congelato la distribuzione del codice e si è impegnato a disconnettere i microservizi di Twitter, che fanno parte dell'architettura tecnica del sito, ma che Musk considera costosi.

Gli utenti di tutto il mondo segnalano in continuazione anomalie di ogni tipo. Da quando sono iniziati i licenziamenti di Musk, gli attuali ed ex ingegneri di Twitter hanno espresso in ogni contesto la preoccupazione che l'uomo più ricco del mondo stia prendendo decisioni che potrebbero causare il decadimento strutturale di Twitter e mandare la piattaforma offline nei momenti di punta.

Secondo gli analisti, Musk sembra sapere molto poco su come funziona effettivamente la società che ha acquistato, ad esempio che Twitter ha la propria infrastruttura personalizzata e self-hosted. Ebbene, queste parti cruciali e complesse dell'azienda sono ancora dotate di personale adeguato? Migliaia di persone sono state licenziate da Twitter negli ultimi giorni e ai dipendenti rimanenti sono state offerte soluzioni difficili da digerire ("Dovremo essere estremamente hardcore", ha scritto Musk ai membri dello staff. "Ciò significherà lavorare per lunghe ore ad alta intensità. Solo prestazioni eccezionali costituiranno un voto positivo". In caso contrario i lavoratori possono anche andarsene).

Io non volevo solo comprare Twitter. Volevo avere il potere di farlo fallire #RIPTwitter pic.twitter.com/0Y2slTwQPP

— Il Grande Flagello (@grande_flagello) November 18, 2022

Musk sembra aver scelto il momento peggiore possibile per il suo ultimatum: domenica prendono il via i Mondiali di calcio in Qatar, un evento che, secondo gli ex dipendenti di Twitter, produce storicamente il più alto traffico globale del sito.

La Coppa del Mondo è un importante stress test per la piattaforma e, nelle migliori circostanze, richiede un attento coordinamento da parte del team di ingegneria dell'affidabilità del sito per garantire che i servizi cruciali rimangano attivi.

La competizione è uno degli eventi mediatici più seguiti al mondo e, come la maggior parte degli eventi sportivi di questo genere, scatena una valanga di reazioni e contenuti su Twitter. Ogni gol, cartellino giallo e parata di un portiere innesca livelli straordinari di tweeting simultaneo da parte dei tifosi, che anche nei momenti migliori potrebbero causare cascate di down che portano a tempi di inattività prolungati per la piattaforma. Twitter opera con meno della metà del personale che aveva un mese fa, la domanda è: ha la capacità di gestire tutto questo?

gli ascolti della TV italiana se twitter chiude davvero :#RIPTwitter #XF2022 #Sanremo2023 #amici22 #gfvip pic.twitter.com/LpcMw7rf20

— juliette. (@juliethxm) November 18, 2022

E, ammesso anche che il test dei Mondiali sia positivo, che succederà nei prossimi mesi a Twitter? E soprattutto, si spegnerà e come? Silenziosamente, secondo gli esperti, con un'implosione graduale che coinvolgerà sistemi sovraccarichi, rimasti scoperti. Musk potrebbe spostare risorse e dipendenti nella gestione degli account premium e a quelli delle celebrità, lasciando scoperti gli account degli utenti normali. Già, ma anche con questa configurazione, resterebbe alto il grado di inaffidabilità della piattaforma in caso di eventi e notizie. E se gli utenti non celebri migrano, il risultato non cambia: la piattaforma si spegne.

Ma che succede se muore Twitter? Nei media un'intera microgenerazione di giovani giornalisti deve parte della propria carriera al modo in cui Twitter consente alle persone di trovare e dialogare con voci nuove e interessanti. A oggi Twitter può ancora fornire questa suggestione, ma il livello del rumore di fondo è molto elevato, prossimo ai livelli del segnale.

E la politica? Twitter si è talmente intrecciato nella nostra vita pubblica che immaginare un mondo senza di esso può sembrare impossibile. Che aspetto potrebbe avere la comunicazione politica? Cosa succede se i media perdono quello che lo scrittore Max Read ha recentemente descritto come un "modo di rappresentare la realtà e di localizzarsi al suo interno"?

Ma se Twitter chiude io dove mi lamenterò del fatto che Twitter ha chiuso? #RIPTwitter pic.twitter.com/xalUMPcuXW

— Butterfly (@amrgmcm) November 18, 2022

Come sostiene Read, c'è la preoccupazione che, in assenza di un sistema nervoso centrale distribuito come Twitter, “la visione collettiva del mondo dei media sarebbe invece sovradimensionata, dall'alto verso il basso, e guidata dalle esperienze e dai pregiudizi di ricchi editori, giornalisti iper referenziali e operatori astuti che operano in circoli sociali e professionali chiusi.

Certo, senza Twitter andare avanti sarà strano. La piattaforma è unica nella misura in cui i suoi utenti ne hanno modellato l'evoluzione. Hashtag, il pulsante Retweet: quelli erano hack degli utenti prima che diventassero funzionalità di prodotto interne.

Twitter ha anche modellato la nostra attenzione. Molte delle figure più polarizzanti e influenti dell'ultimo decennio (persone come Donald Trump e lo stesso Musk, che hanno catturato l'attenzione, accumulato potere e frammentato parti della nostra coscienza pubblica) erano anche quelle che si pensava fossero "brave" nell'usare il sito. 

Twitter ha cambiato il linguaggio. Pensiamo a quali effetti ha avuto la sua principale innovazione, il limite dei caratteri, sulla nostra comprensione del linguaggio e persino della verità. Oggi ci comportiamo come sulla piattaforma: siamo più veloci a rispondere e più aggressivi, con una mentalità rivolta al coinvolgimento e alla visibilità.