Twitter tende a destra. Lo rivela una ricerca interna

·1 minuto per la lettura
(Photo: KIRILL KUDRYAVTSEV via Getty Images)
(Photo: KIRILL KUDRYAVTSEV via Getty Images)

Twitter ha comunicato i risultati di una ricerca interna, secondo cui, spesso, l’algoritmo che mostra i post agli iscritti, preferisce contenuti di destra rispetto a quelli di sinistra. “Abbiamo analizzato milioni di tweet dal 1 aprile al 15 agosto 2020, da account gestiti da funzionari eletti in sette paesi: Canada, Francia, Germania, Giappone, Spagna, Regno Unito e Stati Uniti” ha affermato il social network in un post sul blog.

“Gli analisti hanno usato questi dati per verificare quali tweet siano stati amplificati sul flusso di notizie, quando viene selezionato il feed tramite algoritmo rispetto a quello cronologico”. Nel complesso, e soprattutto nei periodi pre-elettorali, i contenuti politici finiscono con l’avere una predominanza sugli altri e, di questi, ad essere stati mostrati più frequentemente sono stati quelli di destra.

“In sei paesi su sette - tutti tranne la Germania - i tweet pubblicati da account della destra politica hanno ricevuto un’amplificazione algoritmica maggiore rispetto alla sinistra, se studiati come gruppo”. Tuttavia, Twitter non è certa di cosa abbia causato questo sbilanciamento. La società ha sottolineato che: “L’amplificazione algoritmica non è problematica in sé: tutti gli algoritmi finiscono con l’amplificare i contenuti a cui sono applicati. Diventa problematica se sorge un trattamento preferenziale in funzione di come l’algoritmo è costruito, rispetto alle interazioni che le persone hanno con esso”.

A seguito della ricerca, Twitter ha affermato di voler coinvolgere ricercatori esterni, così che possano aiutarla a migliorare i sistemi alla base dell’organizzazione automatica dei contenuti.

Questo articolo è originariamente apparso su L'HuffPost ed è stato aggiornato.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli