U-Mask, società multate per 450mila euro: la decisione e i motivi

·1 minuto per la lettura
Mascherine U-Mask
Mascherine U-Mask

L’Antitrust ha multato le società U-Earth Biotech Ltd. e Pure Air Zone Italy srl per le mascherine U-Mask. La notizia è stata riportata mediante un comunicato. Il motivo dell’ammenda sarebbe quello di aver equiparato le U-Mask ai dispositivi Ffp3.

Mascherine U-Mask, aziende multate: i motivi

Le sanzioni ammontano a circa 450mila euro. La decisione è arrivata dopo un procedimento istruttorio deciso dall’Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato. Secondo la nota, le due società avrebbero promosso le U-Mask equiparandole a dispositivi di protezione Ffp3 e ne avrebbero parlato come di un “dispositivo medico“.

Mascherine U-Mask, aziende multate: cosa è accaduto

Le società hanno sponsorizzato le versioni “Model 2”, “Model 2.1” e “Model 2.2” per diverso tempo, evidenziandone le caratteristiche di “proprietà virucide e una durata di 200 ore, certificate sulla base di test svolti in autonomia“, si legge nel comunicato.

Mascherine U-Mask, aziende multate: altri dettagli

La nota è stata riportata anche dall’agenzia stampa Adnkronos e ha evidenziato come le condizioni generali del contratto fossero soltanto in lingua inglese. Spacciata per vera anche un’inesistente approvazione della mascherina, da parte del ministero della Salute, così come dell’Istituto superiore di sanità. Proprio per queste “modalità ingannevoli e aggressive” le due società sono state multate. Come se non bastasse, inoltre, non sarebbero state fornite le modalità di esercizio del diritto di recesso che spetta al consumatore, garanzia di conformità e altri elementi, così come previsto dalla legge.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli