Uber, le corse in Italia superano i livelli pre-Covid: è +116%

·1 minuto per la lettura
Image from askanews web site
Image from askanews web site

Milano, 7 giu. (askanews) - Nei primi giorni di giugno le corse di Uber in Italia sono aumentate del 116% rispetto al periodo subito prima l'esplosione del Covid-19. L'allentamento delle misure restrittive e il successo della campagna vaccinale hanno messo le ali alla società che offre servizi di trasporto a Milano, Roma, Bologna, Napoli e Torino. Nel dettaglio, rispetto a febbraio 2020 Uber rileva aumenti in tutte le tipologie di utilizzo dei servizi di mobilità proposti via app: in orario di lavoro (+120%), durante la settimana (+135%), fine settimana (+125%), fascia serale e notturna (+85%).

Dati che sono in linea con l'andamento del mercato nel resto d'Europa, a partire dal Regno Unito, che ha registrato il 100% di recovery delle corse sia a Londra che nel resto della Gran Bretagna, Spagna e Germania che hanno ottenuto performance simili. In Francia è stato raggiunto il 70%. "In questa fase di transizione - ha detto Lorenzo Pireddu, Uber Head of Italy - tutti gli attori della mobilità hanno l'opportunità di contribuire alla reale alternativa al mezzo privato e invertire quella tendenza che tiene l'Italia seconda solo al Lussemburgo per numero di automobili private per famiglia".

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli