Uccide la moglie a colpi di pietra in provincia di Chieti: fermato 68enne

uccide la moglie chieti pietre

Uccide la moglie al termine di una lite, prendendola a pugni e poi colpendola con una pietra: è accaduto a Torino di Sangro, in provincia di Chieti. Le forze dell’ordine hanno fermato il marito della vittima, un 68enne che, secondo indiscrezioni, sembrerebbe soffrire di problemi psichici. L’uomo ha chiamato personalmente il 118 dopo essere tornato a casa al termine del delitto.

Chieti, uccide la moglie dopo una lite

Si tratta dell’ennesimo femminicidio in Italia, registrato a pochi giorni dalla Giornata internazionale contro la violenza sulle donne. La vittima è C.L., una donna di 65 anni. Il suo corpo è stato ritrovato nella tarda mattinata di venerdì 29 novembre. Sul luogo dell’omicidio sono accorsi prontamente i soccorritori del 118, ma ogni tentativo di salvare la vita alla donna è stato vano. Sul posto è giunto anche il sindaco di Torino di Sangro, Nino Di Fonso.

Sul caso è stata aperta un’indagine, coordinata dalla Procura di Vasto. Secondo quanto si apprende dalle prime indiscrezioni, l’uomo è stato fermato poco dopo l’omicidio dai Carabinieri della Compagnia di Ortona, su coordinamento del maggiore Roberto Ragucci. L’uomo non ha opposto resistenza all’arresto.

Uccide moglie e figlia a Orvieto

Il dramma di Chieti è stato preceduto di pochi giorni da un altro caso di uomo che uccide la moglie. Il femminicidio ha avuto luogo a Orvieto, dove un uomo di 66 anni ha sparato alla coniuge e alla figlia per poi rivolgere la pistola contro se stesso e togliersi la vita. A lanciare l’allarme è stato il fratello dell’omicida-suicida.