Uccide la moglie a coltellate e esce con le mani insanguinate: arrestato 54enne

·1 minuto per la lettura

Uccide la moglie a coltellate durante una lite in casa, scoppiata all'improvviso per apparenti motivi futili. Il femminicidio è accaduto in una villetta di Altopascio (Lucca). Sul posto sono intervenuti i carabinieri che hanno fermato il marito, Luigi Fontana, 54 anni, muratore, con l'accusa di omicidio. L'uomo è stato condotto in caserma dove si trova in stato di shock. La donna, Maria Carmina Fontana, 50 anni, casalinga, è stata trovata già morta, nel soggiorno, al momento dell'arrivo dei soccorsi del 118 e dei carabinieri.

L'aggressione, secondo quanto si è appreso, sarebbe avvenuta al culmine di una lite tra i coniugi. Il marito avrebbe colpito la moglie con una serie di coltellate in varie parti del corpo, in particolare alla schiena e all'addome, e poi l'avrebbe lasciata agonizzante, morendo poco dopo. La coppia, originaria di Caserta, ha due figli, ma che non erano presenti in casa al momento della furibonda lite. C'erano, invece, i due nipotini della coppia, che però non avrebbero assistito all'accoltellamento: al momento è da chiarire se i bimbi fossero all'intero o meno dell'abitazione quando si verificato l'omicidio. I carabinieri hanno trovato i bambini in giardino al momento del loro arrivo.

E' stata una vicina di casa a dare l'allarme quando ha visto Luigi Fontana camminare in strada con le mani insanguinate e rivolgersi a lei quasi per chiedere aiuto. L'arma del delitto, un coltello preso da un cassetto della cucina, è stata sequestrata dai carabinieri. Per ricostruire l'esatta dinamica dell'accaduto sul posto è arrivato il magistrato di turno, il sostituto procuratore Alberto Dello Iacono, che coordina le indagini dei carabinieri.