Uccide l'ex moglie e si suicida a Pesaro

Un operaio moldavo di 47 anni ha ucciso la ex moglie e siè poi tolto la vita impiccandosi. Per gli inquirenti non ci sarebbero dubbi che quello scoperto in un'abitazione a Santa Veneranda, alle porte di Pesaro sia un caso di omidicio-suicidio. La donna è stata ritrovata dai parenti nel bagno, con un asciugamano intorno al collo. Qui l'uomo l'avrebbe uccisa: i carabinieri hanno trovano il bidet sradicato e diversi strofinacci sul pavimento, come se fossero stati usati per pulire le tracce di sangue. Da una prima ricostruzione, dopo l'omicidio l'uomo sarebbe uscito dall'appartamento e si è impiccato nel capanno vicino.

Le figlie della coppia hanno chiamato al telefono dei parenti dalla Moldavia, dove sono in vacanza, perché la mamma non rispondeva loro al telefono: due cugini hanno raggiunto la casa di Santa Veneranda, entrando dal retro dell'abitazione e, in bagno, hanno scoperto il corpo senza vita della donna. Sono stati i carabinieri a trovare l'uomo impiccato nel capanno. La coppia è di nazionalità moldava: Maria Cegolea, 42 anni, madre di due figlie di 23 e 14 anni, e Andrei Cegolea, 47 anni. Le figlie vivevano con la madre, dopo che marito e moglie si erano separati; in diverse occasioni lei avrebbe confidato di essere stata picchiata da lui, un uomo violento e geloso ma che non ha mai denunciato.