Uccisa da un panino vegano contaminato: l'assurda morte di una 42enne inglese

Celia Marsh
Celia Marsh

Prosegue nel Regno unito l’inchiesta su Celia Marsh. La donna, infermiera di Melksham nel Wiltshire, morì a soli 42 anni a causa di uno shock anafilattico. L’episodio avvenne a Bath il 27 dicembre 2017.  La donna inglese, secondo quanto riferito dal Guardian, era allergica ai latticini. Si sentì male dopo aver mangiato un panino vegano avvolto da una carta contaminata forse con latte di mucca.

Allergica ai latticini: crollo improvviso in strada

Il giorno della sua morte Celia Marsh ordinò del cibo dalla nota catena di fast food Pret A Manger. Una marca mainstream con centinaia di ristoranti presenti in tutto il mondo. Da quello che si sa la 42enne accusò improvvisamente un malore crollando mentre era in strada a Bath. Morì alcune ore dopo essere stata trasportata in ospedale.

Il marito: “Controllava ogni etichetta prima di mangiare”

Andy Marsh è il marito di Celia. L’uomo ha spiegato che la moglie era estremamente attenta su tutto ciò che mangiava, soprattutto quando, alcuni mesi prima della sua morte, ebbe un altro grave shock anafilattico: “Controllava sempre ogni etichetta prima di mangiare e chiedeva sempre gli ingredienti”. A detta di Andy sua moglie non mangiava nulla nel caso in cui non fosse sicura dell’etichetta o delle risposte che le venivano date.