Uccise i figli in carcere, pm chiede assoluzione per vizio mente

webinfo@adnkronos.com

Il pm Eleonora Fini ha chiesto al gup l'assoluzione per vizio totale di mente per Alice Sebesta, la detenuta tedesca che il 18 settembre 2018 ha ucciso i due figli, scaraventandoli dalle scale nel reparto nido del carcere di Rebibbia a Roma. La decisione del gup Anna Maria Gavoni, che procede in abbreviato, è attesa nella prossima udienza. 

La donna, difesa dall’avvocato Andrea Palmiero e attualmente ospite presso il Rems di Castiglione delle Stiviere, è stata sottoposta a due perizie psichiatriche. Nella perizia disposta dal gip lo psichiatra Fabrizio Iecher aveva spiegato che la donna "è affetta da un disturbo schizoaffettivo di tipo bipolare" e al momento dei fatti "era totalmente incapace di intendere ma sufficientemente in grado di volere".